energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Appalti Sanità toscana, mai più senza clausole sociali Società

Firenze – E’ stato sottoscritto da Regione, ente di supporto tecnico amministrativo regionale meglio conosciuto con l’acronimo Estar, Cgil, Cisl e Uil, un protocollo per l’introduzione di clausole sociali negli appalti del Servizio sanitario toscano. Obiettivo del protocollo sarebbe quello di definire buone pratiche in materia di appalti di servizi nell’ambito dell’erogazione del Servizio sanitario regionale, per attuare gli scopi di tutela sociale ed elaborare strumenti tecnici e operativi adeguati per la loro realizzazione concreta, sia nella elaborazione delle condizioni di esecuzione degli appalti, che nella valutazione delle offerte di gara.

Infatti, ecco cosa sono le “clausole sociali”: si tratta di quelle condizioni apposte dalla pubblica amministrazione nelle vesti di stazione appaltante, che esulano dai consueti principi economici, inserendo limitazioni di carattere sociale per la partecipazione al bando di gara (per esempio, l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate).

Il protocollo si ispira al decreto legislativo 163 del 2006, che sancisce che, in materia di affidamento di appalti pubblici, il principio di economicità può essere subordinato, entro i limiti consentiti dalle norme vigenti, ai criteri ispirati a esigenze sociali, e che le stazioni appaltanti possono pretendere, nei capitolati di gara, condizioni particolari per lo svolgimento dei contratti, ispirate ad esigenze sociali.

I firmatari del protocollo si impegnano a promuovere e valorizzare il dialogo tecnico come strumento per la conoscenza e la scelta dei migliori istituti contrattuali di tutela sociale, soprattutto negli appalti pubblici di servizi ad alto impatto lavorativo. E condividono lo spirito metodologico (sotteso al protocollo) secondo il quale la normativa sugli appalti dovrebbe essere rivista, aggiornata e applicata in modo da accrescere l’efficienza della spesa pubblica, facilitando altresì il conseguimento di obiettivi condivisi a valenza sociale; e che per il perseguimento di questo obiettivo devono essere valorizzati istituti come, appunto, il dialogo tecnico, di cui le amministrazioni possono avvalersi, sollecitando e accettando consulenze che possono essere utilizzate nella preparazione del capitolato d’oneri, a condizione che queste consulenze non abbiano l’effetto di ostacolare la concorrenza.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »