energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Approda in Toscana la campagna dedicata all’incontinenza femminile STAMP - Salute

In Italia circa 3.000.000 di persone soffrono di vescica iperattiva e sono costrette ad andare in bagno per urinare anche più di otto volte durante il giorno. La patologia consiste nell'aumento della frequenza con cui l'individuo sente l'esigenza di urinare, ma può arrivare a causare l'incontinenza e la perdita di urina in tempi e luoghi inappropriati. Spesso coloro che soffrono di iperattività vescicale finiscono per decidere le loro mete sulla base della vicinanza dei servizi igienici, oppure per privarsi di uscire di casa per evitare di sentirsi in imbarazzo a causa del loro problema. La cosiddetta "schiavitù da pannolino" è più frequente nelle donne che negli uomini e, per questo, il Gruppo Italiano Salute e Genere ha promosso una campagna informativa di sensibilizzazione dell'opinione pubblica denominata "Donne VIP" e che fa tappa anche in Toscana. Per curare l'incontinenza cronica esistono dei farmaci efficaci, in particolare gli antimuscarinici. Questi, però, sono molto costosi e non vengono coperti dal Servizio Sanitario Nazionale che, con una cifra che si aggira fra i 23.000.000 ed i 54.000.000 di euro, potrebbe curare circa 160.000 pazienti che sono affetti da incontinenza vescicale. Trattare le pazienti (ma anche i pazienti) con antimuscarinici potrebbe essere la soluzione, ma spesso si sceglie di non acquistare i farmaci per impossibilità ad affrontare le spese per fronteggiare la malattia.

Foto: http://www.vallesabbianew.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »