energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Approvati i bilanci di previsione di Figline e Incisa: un passo avanti verso l’Unione di Comuni Politica

Nella giornata di ieri, venerdì 22 giugno, i Comuni di Incisa e Figline Valdarno hanno anunciato la concertazione relativa ai rispettivi bilanci di previsione dell'anno 2012. Si tratta, hanno spiegato i sindaci Riccardo Nocentini e Fabrizio Giovannoni, di un importante risultato in vista della costituzione dell'Unione dei Comuni di Figline e Incisa Valdarno. L'accordo con le sigle sindacali (Cgil, Cisl e Uil) è ancora più importante in quanto garantisce alle due amministrazioni un riscontro della volontà della popolazione locale di appoggiare il passaggio al Comune unico fortemente caldeggiato dalle due amministrazioni. L'istituzione dell'Unione dei Comuni viene vista dai due sindaci come la possibilità, oltre che per ridurre i costi gestionali di due macchine amministrative, come l'opportunità per reperire finanziamenti statali e regionali e far fronte ai tagli delle risorse per il sociale ed all'introduzione dell'Imu. Nei bilanci di previsione dei due Comuni, infatti, vengono confermati i contributi per il sociale già assegnati nel 2011. La gestione associata dovrebbe permettere a Figline ed Incisa di continuare l'erogazione di servizi alla persona (mense scolastiche, trasporti e asili) senza aumenti tariffari, eccetto, ovviamente, gli adeguamenti Istat. Nonostante la riduzione dei fondi messi a disposizione dalla Regione Toscana, i due Comuni valdarnesi contano di migliorare i servizi per i portatori di handicap, confermare i contributi per l'integrazione dei canoni di affitto e per le famiglie disagiate, nonché di mantenere il buon livello nella gestione dei rifiuti. Sempre nei due bilanci previsionali 2012 sono previste, poi, le voci riservate ai fontanelli di acqua potabile ed alla raccolta differenziata. Per quanto concerne l'Imu sulla prima casa, a Figline sarà lo 0,4%, mentre ad Incisa lo 0,5%. L'aumento dell'Irpef, invece, sarà lo stesso in entrambi i comuni, ossia lo 0,7%.

Immagine: http://www.valdarno.biz

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »