energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arcidiocesi Firenze: alberghi in Trentino, Valle d’Aosta, Pisa Società

Tra i suoi beni l’Arcidiocesi di Firenze annovera anche 3 strutture alberghiere, una in Trentino, una in Valle d’Aosta e una a Pisa, tutte di proprietà, ma che sono date in gestione in appalto a privati. Strutture giunte nel patrimonio immobiliare ecclesiale fiorentino all’incirca negli anni 60. Sono tutte strutture alberghiere recentemente ristrutturate, che stanno aperte da dicembre a marzo e da giugno a settembre. Dei veri e propri gioiellini immersi nei più meravigliosi scenari che la natura possa offrirci. In Trentino troviamo l’albergo Piaz (www.hotelpiaz.com), uno degli alberghi più antichi e noti della Valle, che prende il nome dal famoso alpinista Tita Piaz, soprannominato “il diavolo delle Dolomiti”, amato e stimato da tutta la locale popolazione. Siamo nel cuore della Val di Fassa, tra Canazei e Moena, circondati da una natura incontaminata. Grazie alla sua posizione centrale si può raggiungere facilmente il centro del paese Pozza di Fassa, a 1.305 metri di altitudine, ricca di negozietti di artigianato e di prodotti tipici, ma anche gli impianti di risalita sciistici, mentre d’ estate si possono fare passeggiate mozzafiato. La Valle è collegata con il bellissimo comprensorio Dolomiti supersky con le piste più spettacolari delle Dolomiti. 35 camere, alcune con balcone, dotate di tutti i confort. Prezzi dai 30 euro in B&B ai 45 in mezza pensione ai 55 della completa, con qualche piccolo aumento nelle stagioni forti.

In Valle d’Aosta, a La Thuile, 1441 metri di altitudine, a 15 minuti di macchina dal Monte Bianco, si trova invece l'Hotel Soggiorno Firenze (www.soggiornofirenze.org), all’ombra delle più alte montagne d’Europa, innevate 365 giorni all’anno e circondati da stupendi laghetti naturali o accoglienti rifugi alpini. 20 camere confortevoli a prezzi dai 40-42 euro in B&B ai 49-57 della mezza pensione, 10 euro in più per la completa e 3 euro in più a persona qualora il soggiorno fosse inferiore ai tre giorni.

Se invece vi piace il mare vi consigliamo allora Casa Giotto a Marina di Pisa (www.casagiotto.it). 30 camere, con tutti i confort, immerso nel verde della pineta, a pochi massi dal mare, con spiaggia attrezzatissima. Accanto alla casa per ferie, vi è un maneggio ove è possibile effettuare l’ippoterapia assistita. Prezzi da 45 ai 55 euro per la completa, riduzione di 5 euro per la mezza.

Ovviamente tutte le strutture al loro interno hanno una accogliente cappella dove si svolgono regolarmente funzioni religiose.

Prezzi speciali vengono fatti per gruppi organizzati, parrocchie e non, con sconti anche del 20 per cento, oltre a particolari convenzioni.

“Tutte le strutture – mi dice una responsabile della società che gestisce gli alberghi  – sono accoglienti ed offrono un clima familiare. E’ possibile sciare o passeggiare, o nuotare a Pisa. In tutte è possibile poi praticare vari sport. Inoltre curiamo particolarmente la cucina tipica delle tre regioni. In media i nostri clienti si fermano da noi una settimana, ma c’è anche chi si ferma per due. Funziona molto il passaparola”.

E i toscani sembrano gradire questa “offerta turistica” dell’Arcidiocesi fiorentina,  tant’è che in Trentino il 70% dei clienti sono Toscani, mentre nelle altre siamo all’incirca sopra il 60%.

Ampia anche la fetta di stranieri grazie ai tour operetor che hanno scelto le tre strutture per l’insieme dei servizi.

Strutture che l’Arcidiocesi utilizza anche per i campi scuola estivi di adolescenti ed adulti-famiglie e che ottengano sempre un ottimo gradimento.

Provare per credere.

Infine, come ulteriore curiosità, segnaliamo che l’Arcidiocesi, sempre tra i suoi beni, amministrati questa volta in prima persona, annovera anche una agenzia turistica e un azienda agricola

L’agenzia turistica è la Turishav, in piazza San Giovanni con un fatturato annuo di 1 milione di euro. Presidente della società che gestisce l’agenzia è il Vescovo Ausiliare Claudio Maniago, mentre responsabile diretto è don Piero Sabatini, che è anche direttore dell’ufficio diocesano pellegrinaggi-tempo libero-turismo-sport.

L’azienda agricola invece si trova a Pieve di Campoli, nella zona di produzione del Chianti: 400 ettari divisi fra 7 comuni, con 18 mila piante d’olivo e 75 ettari di vigneto. L’Azienda distribuisce i suoi prodotti – un ottimo vino e un superlativo olio –  attraverso la vendita diretta, nei supermercati italiani, in vari ristoranti fiorentini, e anche all’estero, in Germania, Belgio e Vaticano, essendo azienda fornitrice della Santa Sede.
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »