energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aree verdi per il saluto alla fine dell’anno scolastico Notizie dalla toscana

Poggio a Caiano – Il Comune di Poggio a Caiano mette a disposizione i giardini degli edifici scolastici di proprietà comunale e le aree verdi pubbliche per la fine dell’anno scolastico in modo da consentire, agli studenti che concludono un ciclo, di ritagliarsi un momento per salutare compagni e insegnanti. Per consentire questo è stato predisposto dal Comune un semplice vademecum in cui sono indicate le procedure di richiesta degli spazi, le indicazioni per organizzare gli incontri e anche tutte le condizioni di svolgimento sulla base di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di sicurezza anti-Covid e secondo quanto regolamentato dal DPCM del 17 Maggio 2020.

L’Amministrazione comunale, oltre ai giardini delle scuole pubbliche, ha individuato altri luoghi come ad esempio i giardini di piazza Riconciliazione – Roberto Castellani, piazza dei Caduti a Poggetto, l’Oasi apistica “Le Buche” e lo spazio adiacente al Ponte Manetti, ma saranno in ogni caso valutate tutte le proposte che perverranno purché si tratti di spazi pubblici all’aperto. La richiesta di utilizzo dello spazio potrà essere presentata dai genitori – preferibilmente attraverso i propri rappresentanti – delle classi all’ultimo anno della scuola dell’infanzia, del quinto anno della scuola primaria e del terzo anno della scuola secondaria di primo grado. Saranno valutate anche richieste avanzate da soggetti terzi ma sempre riconducibili ad una delle classi sopra menzionate.

“Negli ultimi giorni tanti genitori ci hanno scritto, chiedendo la possibilità di organizzare un momento nel quale i bambini e ragazzi degli ultimi anni di scuola potessero salutare i propri compagni, per avere una conclusione almeno simbolica del ciclo scolastico – dichiara il sindaco di Poggio a Caiano, Francesco Puggelli – Il mondo dei bambini e di quanto ruota attorno alla loro istruzione ed educazione merita più attenzione di quanto in questo momento venda loro data. In queste settimane la nostra cittadina sta dimostrando che è possibile guardare a loro e dargli risposta nonostante l’emergenza in corso. Questo è un piccolo segnale, ma ricco di significato alla luce di quanto successo con l’anno scolastico. L’ultimo giorno di un ciclo scolastico è per tutti un ricordo che rimane vivido nel tempo: per questo vogliamo dare ai bambini, seppur non sia stato possibile farli tornare a scuola, per lo meno l’opportunità di vivere un momento di saluto ai propri compagni che prenderanno strade diverse da settembre”.

Foto: Francesco Puggelli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »