energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arezzo in semifinale di Coppa Italia, Isernia battuto ai rigori Sport

Tanta sofferenza ma obiettivo raggiunto. L'Arezzo supera l'Isernia e conquista il pass per la semifinale di Coppa Italia di Serie D. Per centrare la finalissima gli amaranto dovranno superare al prossimo turno i napoletani del Turris nel doppio confronto. Andata in programma il 27 febbraio e ritorno il 20 marzo. Nell'altra parte del tabellone accedono in semifinale Delta Porto Tolle e Virtus Castelfranco.

L'Arezzo si conferma dunque squadra da coppa, a differenza di quanto mostrato in campionato dove occupa ancora il penultimo posto. Buona infatti la prestazione della squadra di Bacis, anche se sono stati comunque necessari i calci di rigore, nonostante fino all'80' il risultato fosse di 2-0.
Gara ben giocata dai padroni di casa che passano in vantaggio nella prima frazione con Eramo, e raddoppiano a inizio ripresa con D'Arienzo, appena due minuti più tardi il rigore parata da Casini (ottimo il suo debutto) a Panico.
Gli amaranto sembrano in controllo della gara e con più di un piede in semifinale, ma negli ultimi minuti di gara accade l'impensabile. L'Isernia infatti accorcia le distanze con Ricci all'80', e completa la rimonta con Vinciguerra all'88', si va ai calci di rigore che saranno da infarto.

Calcia per primo l'Isernia. I primi due tiratori non sbagliano, gol di Ricci e pari di Martinez. Poi arrivano due errori consecutivi dei molisani che sbagliano con Vinciguerra (parato) e Panico (fuori). L'Arezzo si porta così sul 3-1 con le trasformazioni di Parigi e  Gentili gol.
Sembra fatta per la truppa di Bacis, ma proprio come successo durante i minuti di gioco arriva un altro ribaltone. Pucci si fa respingere il tiro, mentre Piccolo centra la traversa dando così a Galuppi e De Giambattista la possibilità di portare il parziale sul 3-3.
La pressione si fa sentire, e arrivo altri due errori, uno per parte. Lunardo calcia fuori e Eramo centra il palo. Sesay porta in vantaggio l'Isernia, ma Bozzoni ristabilisce subito la parità, e si arriva dunque al rigore decisivo. Russo centra la traversa, mentre Pacioni spiazza il portiere e fa esplodere la festa del popolo amaranto.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »