energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Due arresti per il tunisino accoltellato a Pisa Cronaca

E' trascorso circa un mese e i carabinieri hanno arrestato padre e figlio con l'accusa di sequestro di persona, lesioni personali aggravate e rapina. In manette un  tunisino di 47 anni e suo figlio italiano di 20 anni.  Il giovane 30enne era stato assalito in piazza Garibaldi, in pieno centro a Pisa , caricato a forza su un pick up, accoltellato alla schiena, colpito alla testa con una mazza da baseball così violentemente da perdere l'occhio destro. Non basta, con un morso uno dei due (il figlio) gli aveva strappato l'orecchio destro per vendicarsi dello sgarro in discoteca.
I due, già noti alle forze dell'ordine per reati legati al traffico di  stupefacenti, sono stati bloccati nella pizzeria che gestiscono nel centro della città.  Una punizione, dicono i carabinieri, verso il 30enne, anche lui con precedenti per droga, seguita ad un litigio con il 20enne in una discoteca di Viareggio. Sarebbe stato il padre, venuto a conoscenza  dell'episodio, ad aver deciso e pianificato il barbaro e sanguinoso agguato, insieme ad altri complici che sono ancora ricercati. Pare dalla ricostruzione dei carabinieri che la vittima avesse avuto sentore di un possibile agguato e si stesse preparando per fuggire. Per questa ragione avrebbe avuto al momento dell'agguato 3mila euro contanti, rubati dai due assalitori.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »