energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arrivano i mondiali di ciclismo, tanto asfalto e turismo in nome dello sport Sport

L’ultimo conto alla rovescia è iniziato giovedì a Maastricht, in Olanda: 365 giorni ai mondiali di ciclismo che nel 2013 si correranno in Toscana, da Lucca a Firenze passando per Montecatini, Pistoia e la provincia di Prato. Stamani, 24 settembre,  a Palazzo Vecchio a Firenze è stato invece firmato l’accordo di programma per i lavori che dovranno essere realizzati lungo il percorso, prima dell’evento. I bandi saranno pubblicati il 31 ottobre, i cantieri veri e propri si dovrebbero aprire alla fine di febbraio. Spesa prevista: 32 milioni e 600 mila euro.
“Si tratta di opere non faraoniche che rimarranno anche dopo i Mondiali a servizio dei toscani. Abbiamo ridotto gli interventi allo stretto necessario – spiega l’assessore della Regione Riccardo Nencini, che ha firmato l’accordo, in quanto presidente del comitato istituzionale dei Mondiali, assieme al collega ad infrastrutture e mobilità Luca Ceccobao – . Spenderemo questi soldi per asfaltare le strade e restaurarne il manto e per adeguarle ad una competizione sportiva che, lo ricordo, porterà in Toscana almeno 400-500 mila tra tifosi ed appassionati. L’unica struttura di servizio per i Mondiali che costruiremo e che rimarrà poi per i giovanissimi ciclisti toscani è un ciclodromo a Ponte Buggianese, in provincia di Pistoia”.
“Spenderemo una trentina di milioni – sottolinea Nencini – ma ne arriveranno tra i 160 e i 170 che i turisti e gli appassionati che verranno in Toscana spenderanno nei sette giorni di gara, con 12 medaglie da assegnare, in ristoranti, alberghi e negozi. E’ stato calcolato che in quella settimana ci saranno 2.800 occupati in più e che i Mondiali faranno crescere il Pil toscano dello 0,16 per cento”.
“Il mondiale che ospiteremo il prossimo anno – gli fa eco il vicesindaco e assessore allo sport di Firenze Dario Nardella, vicepresidente del comitato istituzionale – è un evento storico per il nostro territorio. Mai la nostra regione ha organizzato una manifestazione di questa rilevanza e attraverso lo sport, in questo caso il ciclismo, si presenta un’opportunità unica di valorizzazione e rilancio delle nostre città e della nostra regione anche dal punto di vista turistico e di sviluppo economico. Abbiamo a disposizione oltre 32 milioni per il rifacimento e la messa in sicurezza delle strade, 12 di questi riguarderanno Firenze. Interventi e opere pubbliche che anche in questo caso rimarranno a beneficio della cittadinanza”.
Le risorse a disposizione
Dei 32 milioni e 600 mila euro di spesa prevista, più di 21 ce li metterà la Regione: 20 sono nell’accordo di programma (di cui 1,5 riservato al ciclodromo), un altro milione e 250 mila euro sono risorse già stanziate in precedenza per la realizzazione di asfalti fonoassorbenti in provincia di Pistoia e Lucca. Si aggiungono poi 7 milioni e 856 mila euro messi dal Comune di Firenze, 1 milione e 420 mila dalla provincia e i comuni di Pistoia, 1 milione dal Comune di Lucca, 515 mila dalla Provincia di Firenze, 210 mila dalla Provincia di Lucca, 200 mila dalla provincia di Prato e 150 mila dal Comune di Fiesole. Le stazioni appaltanti saranno quattro: la Provincia di Lucca, la Provincia di Pistoia (a cui compete l’intervento anche nel tratto della provincia di Prato), la Provincia di Firenze e il comune di Firenze. Oltre 3 milioni e mezzo sono destinati a lavori che saranno eseguiti a Lucca e provincia, 12 milioni e 891 mila euro nel territorio pistoiese, 1 milione e 164 mila euro nel tratto della provincia di Prato, quasi 12 milioni nel Comune di Firenze, 421 mila a Fiesole ed altri 2 milioni e 610 mila euro nel resto della provincia di Firenze. L’accordo di oggi è stato firmato dalle quattro Province, la Regione e i Comuni di Pistoia, Lucca, Montecatini, Fiesole e Firenze.
I tempi
L’adeguamento del tracciato di gara e l’asfaltatura delle strade interessate sarà concluso entro il 15 giugno 2013. Nei successivi due mesi sarà la volta di segnaletica e rifiniture. Entro il 10 settembre saranno adeguate le rotonde e rimossi eventuali ostacoli, per poi ripristinare le stesse a come erano in precedenza dal 1 ottobre al 30 novembre, una volta che i Mondiali saranno conclusi.
Rimane da sciogliere a questo punto solo l’ammontare delle risorse che metterà a disposizione il governo. “Il governo Monti aveva preso l’impegno a trovare una decina di milioni ricorrendo ai fondi dell’8 mille – ricorda l’assessore Nencini – Ci ha chiesto di aspettare fino alla fine del mese. Spero che mantenga l’impegno preso, anche perchè gli interventi che lo Stato aiuterà a finanziare, lo ripeto, rimarranno al territorio o serviranno a promuovere la Toscana, come tutti i Mondiali, con ricadute importanti sull’economia”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »