energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arrivano i primi due nuovi treni Rock per la Toscana Cronaca

Firenze – Arrivano i primi due treni Rock  per rinnovare a flotta  in  Toscana. I convogli fanno parte della fornitura di 100 nuovi treni previsti nel Contratto di Servizio 2020-2034, sottoscritto a novembre 2019 da Regione Toscana e Trenitalia. Un contratto quindicennale che prevede investimenti per quasi 1,4 miliardi di euro, di cui circa 913 milioni destinati al rinnovo della flotta che passa da un’età media di 16 anni a 7,6 anni nel 2024.

Nel biennio 2020 e 2021 saranno 15 i treni Rock a disposizione della Toscana. Prodotti made in Italy, made in Toscana costruiti nello stabilimento di Pistoia da Hitachi Rail Italy. I nuovi treni Rock entreranno in servizio nei prossimi giorni sulle linee: Firenze – Pisa e Firenze – Valdarno – Arezzo. 

La consegna è avvenuta questa mattina nel deposito ferroviario di Osmannoro (FI) dove hanno partecipato Vincenzo Ceccarelli, Assessore ai Trasporti della Regione Toscana e per Trenitalia, Orazio Iacono, Amministratore Delegato, Sabrina De Filippis, Direttore Divisione Passeggeri Regionale e Gianluca Scarpellini, Direttore regionale Toscana.

Nell’occasione sono state mostrate all’assessore Vincenzo Ceccarelli le attività di sanificazione dei convogli che vengono svolte quotidianamente seguendo il protocollo COVID-19. Per rendere sicuro il viaggio anche i nuovi treni Rock sono stati allestiti con:marker sui sedili da non occupare, segnaletica sulle porte per la salita e la discesa, indicazioni a terra per segnalare l’uscita più vicina e la distanza da tenere con gli altri passeggeri oltre alla presenza di dispenser con liquido igienizzante per le mani.

“I due treni rock che abbiamo ricevuto stamani e che tra breve entreranno in esercizio sulle linee toscane, sono il simbolo della ripartenza dopo la pandemia. Una ripartenza che deve essere anche cambiamento. Che quindi avviene con treni nuovi, maggiormente confortevoli, accessibili alle biciclette, con più spazi per i bagagli e una più alta attenzione all’ambiente e una migliore sostenibilità”.

L’assessore regionale ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli ha commentato così la consegna alla Regione Toscana avvenuta nel suo deposito dell’Osmannoro a Firenze, da parte di Trenitalia dei due nuovissimi e modernissimi Rock, i treni ad alta frequentazione, interamente made in Tuscany, visto che sono usciti dalle officine ferroviarie della Hitachi di Pistoia.

“Sono costruiti interamente in Toscana – ha precisato l’assessore – e anche certificati dall’ente certificatore, Italcertifer, che ha sede qui in Toscana e di cui la Regione si onora di far parte. Anche questo credo sia un valore aggiunto che scaturisce dal contratto che abbiamo firmato alla fine dello scorso anno. Si tratta di un accordo da circa 7 miliardi che durerà 15 anni e di cui 1 miliardo è rappresentato dagli investimenti. E’ così che arriveranno 100 nuovi treni che rinnoveranno tutta la flotta portandola, entro il 2023, ad un’età media di circa 7 anni, in linea con i migliori standard europei. Tutto questo rappresenta un vantaggio per tutti i passeggeri e soprattutto per i nostri pendolari”.

Questi primi due treni sono destinati alla linea pisana e a quella aretina perché sono quelle che hanno bisogno di una maggiore capacità di trasporto.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »