energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Arrivati a Montecatini i primi 214 fuoriusciti afghani Cronaca, Notizie dalla toscana

Montecatini – Sono arrivati ieri sera stanchi e assonnati a Montecatini i primi 214 dei 312 fuoriusciti dall’Afghanistan che saranno ospitati in Toscana negli alberghi Covid della regione. Resteranno nella cittadina termale  per 10 giorni, il periodo di quarantena. Un primo gruppo di 100 persone ha volato con un volo dell’Aeronautica Militare, il secondo di 114 con un aereo messo messo a disposizione dalla Marina. Entrambi i gruppi sono atterrati a Fiumicino dove hanno compilato lo speciale modulo C3 per la richiesta d’asilo. Poi sono partiti in pullman alla volta della Toscana. In tutto sono stati coinvolti tre hotel. Tra di loro ci sono anche famiglie con bambini.

Tutti sono collaboratori del nostro governo e delle istituzioni locali, qualcuno parla italiano, qualcun altro abitava nelle ambasciate e nei consolati italiani, altri ancora nei compound militari. Un trasferimento per niente semplice per la Regione a causa dei numeri incerti fino all’ultimo momento. Come annunciato dal Governatore toscano Eugenio Giani (nella foto la conferenza stampa di due giorni fa) un gruppo sarebbe dovuto arrivare in un albergo del centro di Firenze che però sembra sia risultato troppo piccolo. Un altro invece sarebbe dovuto andare a Chianciano ma pare che tutto sia saltato all’ultimo momento. Dopo il periodo di quarantena i fuoriusciti prenderanno la via dei centri di accoglienza: quasi sicuramente i Sai (Sistema Accoglienza e Integrazione) anche se qui i posti sono in pratica esauriti e la Regione ha fatto richiesta al Ministero di averne a disposizione un altro centinaio. Alcuni si sistemeranno da famiglie amiche. Piena disponibilità e solidarietà viene da Aidda, l’Associazione Imprenditrici e donne dirigenti d’azienda, che attraverso la sua presidente Antonella Giachetti si dice pronta per ogni eventuale attività di supporto nella formazione professionale e nell’inserimento nel mondo del lavoro a favore di donne afghane.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »