energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arte culinaria: un concorso per il ” libro commestibile ” Cronaca

Pistoia – Un “libro commestibile”?  Perché no. L’idea di realizzare un concorso artistico dove i protagonisti non sono opere pittoriche o altro, ma “manufatti” culinari è stata un’idea di Silvia Fossati, artista e gallerista nonché responsabile dell’associazione “ Arte, lingua cultura/ Studio Giambo”, ed è risultata vincente. Tra i numerosi “volumi commestibili”, realizzati in maniera molto creativa da una ventina di concorrenti, tutti con notevoli pregi per aver usato materie prime e tecniche eccellenti, si è classificato in pole position il “ Pasticcere pasticcione” di Clara Mallegni.

Oltre ad essere bravissima artista già conosciuta per opere di vario genere, presenti anche come istallazione cittadine, adesso si qualifica anche come food design, una sua passione.  “Variopinto libro con copertina a più pagine dell’estetica elegante e vivace. Buona tecnica che ha utilizzato la pasta sablèe, a differenza di altre, dimostrando competenza e capacità creativa. Un libro dolce, senza eccessi stucchevoli, equilibrato e gradevole” questa la motivazione del I premio da parte della giuria composta dalla giornalista Rosanna Ercole Mellone, lo storico e critico d’arte Ilario Luperini, la critica d’arte Stefania Provinciali, e poi Antonio Morelli, vice presidente federazione italiana cuochi, con il segretario Walter Vidovaldi e Donato Troiano direttore rivista InformaCibo.

In tempi di crisi della lettura, creare dolci manufatti preziosi proprio per la loro particolarità, significa rieducare al bello ed alla cultura, in grado ancora di promuovere e smuovere un patrimonio artistico- letterario importante come, appunto, quello che ha partecipato al “ Libro Commestibile”che, magari non si sfoglia con le mani ma si può ammirare con gli occhi e gustare con stupore!

Print Friendly, PDF & Email

Translate »