energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Arti: operativa l’agenzia regionale per i servizi all’impiego Economia

Firenze – E’ nata Arti, l’agenzia regionale per il lavoro, già on line con il suo sito. Il battesimo c’è stato il 28 giugno, venti giorni appena dopo l’approvazione della legge regionale che ha recepito la riforma nazionale, quando tutti i 413 dipendenti che lavoravano per i centri per l’impiego, già in prestito alla Regione da gennaio, sono passati alle dipendenze del nuovo ente, compresi 97 contratti a tempo determinato che saranno stabilizzati entro l’anno.

E’ stato comunque un passaggio senza soluzione di continuità. “Siamo stati una delle prime Regioni a dare piena attuazione al passaggio definitivo del personale e delle sedi, secondo quanto previsto dalla legge di bilancio che imponeva di far tutto entro il 30 giugno. Ne siamo quindi molto orgogliosi” sottolineano l’assessore al lavoro della Toscana, Cristina Grieco, e l’assessore alla presidenza e l’organizzazione Vittorio Bugli. “Il lavoro e la formazione – ribadisce Bugli – è una priorità per questa giunta, tant’è che sono anche tra le competenze per cui abbiamo avviato una procedura di richiesta di autonomia speciale. E la nostra intenzione è di rafforzare ulteriormente, nel futuro, i centri per l’impiego”.

Arti (acronimo di Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego) è un ente dipendente della Regione ed è organizzata in una struttura centrale, regionale, e in strutture periferiche, che ad oggi contano 53 sedi. Rimane da nominare il direttore, per la cui selezione c’è un bando che rimarrà aperto fino al 13 luglio. Fino ad allora il suo ruolo sarà supplito dal responsabile della Direzione Lavoro della Regione. Nella prima fase anche le funzioni trasversali saranno assicurate grazie al supporto degli uffici regionali. L’agenzia ha inoltre acquisito dal 28 giugno, a titolo gratuito, la Fil, ovvero la società in house della provincia di Prato che gestisce il centro per l’impiego del territorio.

Alla Regione rimarrà la programmazione, il monitoraggio e le analisi delle politiche del lavoro. Rimarrà anche la definizione degli interventi finanziati attraverso fondi comunitari, nazionali e regionali, e delle linee di indirizzo e degli obiettivi della rete regionale dei centri per l’impiego, nonché degli standard di qualità dei servizi per il lavoro. Sarà sempre la Regione che si raccorderà con l’Agenzia nazionale per l’occupazione (Anpal). All’Agenzia regionale spetterà invece la gestione della rete regionale dei centri per l’impiego e delle misure di politica attiva e dei servizi erogati a cittadini e imprese, in coerenza con i livelli essenziali delle prestazioni stabiliti a livello nazionale e con gli standard qualitativi regionali.

I centri per l’impiego toscani già ricevono adesso 300 mila utenti l’anno e 17.000 imprese, cui erogano rispettivamente quasi 1 milione di interventi di politica attiva e 30 mila servizi di consulenza specialistica. E chi ne ha usufruito sembra gradire. Da due indagini condotte dall’agenzia nazionale Anpal nel 2017 – la prima sui giovani fino 20 anni e poi sugli utenti con più di trenta – emerge infatti che l’85 per cento dei toscani intervistati si dichiara molto o abbastanza soddisfatto del servizio erogato. E’ il quinto dato più elevato tra le venti regioni d’Italia e il più alto tra quelle a statuto ordinario.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »