energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Asl massese, condannato Giannetti Cronaca

Il maxibuco dell'Asl 1 di Massa ha portato alla prima condanna. Si tratta dell'ex direttore amministrativo, Ermanno Giannetti, in carcere dal maggio scorso nell’ambito dell’inchiesta sul maxi-buco da oltre 200 milioni di euro. L’ex direttore amministrativo secondo l’accusa avrebbe emesso falsi mandati di pagamento per oltre 1 milione di euro a favore di creditori dell’Asl 1 per poi intascare lui i soldi. Giannetti ha scelto il rito abbreviato solo per l’accusa di peculato, mentre per l’altra accusa di falso in bilancio, che gli è contestata per gli anni 2004 e 2005 insieme agli ex direttori generali della stessa Asl di Massa Carrara, Alessandro Scarafuggi (in carica dal 2002 al 2007) ed Antonio Delvino (2007-2010), Giannetti, in carica dal 2007 al 2010, ha scelto il rito ordinario, sostenendo la sua innocenza.

«La condanna in rito abbreviato di Giannetti copre un piccolo spaccato del problema relativo al maxi-buco dell’Asl 1 di Massa. Rimane invece completamente irrisolta la questione, per la quale prosegue il rito ordinario, sull’accusa di falso in bilancio. Vogliamo, infatti, capire, nel caso in cui il castello accusatorio venga confermato in sentenza, il perché di tutte quelle falsificazioni dei bilanci, chi le ha fatte, ma soprattutto quali sono i soggetti che ne hanno tratto veramente un utile e di che tipo». Questo il commento del consigliere regionale di “Più Toscana” e membro della IV commissione “Sanità”, Gian Luca Lazzeri,

Print Friendly, PDF & Email

Translate »