energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Assegnato il Premio Cittadino Europeo 2016 Cronaca

Firenze – La Fondazione Archè Onlus, l’Opera per la gioventù “Giorgio La Pira”, l’Associazione Pegaso Onlus e l’italo-marocchina Nawal Soufi hanno ricevuto oggi, 23 settembre, il Premio Cittadino Europeo 2016 presso gli Archivi Storici dell’Unione Europea di Villa Salviati, a Firenze.

Renaud Dehousse, Presidente dell’Istituto Universitario Europeo, ha spiegato: “Il riconoscimento a queste persone e gruppi di cittadini è un modo di sottolineare il nostro legame con l’Europa, con l’Italia come membro fondatore del nostro istituto e col territorio.”

L’onorevole Elena Gentile, presentando il premio alla Fondazione Arché, ha dichiarato: “Con questo premio vogliamo sottolineare l’idea di un ritorno a un’Europa che sia culla di pace e solidarietà, vicina alle persone più deboli e più fragili. Abbiamo bisogno di un territorio che ci assecondi nei nostri sforzi per un’Europa più solidale.”

 L’onorevole Nicola Danti,  in un messaggio per presentare il premio all’Opera per i Giovani Giorgio La Pira, ha spiegato: “Il conferimento di questo premio rappresenta il giusto riconoscimento a una bella storia e a una bella realtà, che vuol fare del Mediterraneo un luogo di incontro e di confronto, un luogo di dialogo fra oriente e occidente e non un luogo di divisione e di scontro. Se oggi possiamo sperare nella bellezza di un continente aperto e affacciato sul Mediterraneo, dobbiamo dire grazie anche ai giovani che ogni anno, partecipano alle attività dell’Opera Giorgio La Pira”.

 E sempre l’onorevole Gentile, che ha presentato anche   il premio all’associazione Pegaso Onlus ha commentato: “Questo riconoscimento premia l’impegno dell’associazione per l’inclusione sociale e il sostegno ai disabili e alle loro famiglie. Il risultato straordinario delle attività di Pegaso è il sogno divenuto realtà di una vita indipendente per venti persone con disabilità”.

Il premio a Nawal Soufi è stato presentato dall’onorevole Kashetu Kyenge, che  ha detto: “Ho proposto la sua candidatura  perché il suo impegno a sostegno dei migranti nel Mediterraneo è encomiabile. La sua attività realizza e mette in pratica i concetti di solidarietà e di accoglienza. Su uno di quei barconi avrei potuto esserci anch’io”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »