energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Assemblaggi Provvisori: Waiting Room di Barbara Uccelli Notizie dalla toscana

Capannori – Sabato 19 e domenica 20 novembre, alle ore 19.30, nella Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Capannori, Lucca) si presenta,  in prima, “Waiting Room”, un’azione scenica sulla disobbedienza e il rinnegamento delle aspettative sociali. Progetto e ideazione di Barbara Uccelli, in scena con Cecilia Bertoni; musica, suoni e rumori di Carl G. Beukman. Produzione Associazione Culturale Dello Scompiglio.
L’appuntamento fa parte di “Assemblaggi Provvisori”, una programmazione tematica proposta, fino a giugno 2017, dall’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta dalla regista e performer Cecilia Bertoni, incentrata sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere. La manifestazione nasce da un Bando internazionale del 2015 dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio e ospita settanta appuntamenti legati al tema dell’identità di genere: ventisette progetti vincitori, produzioni interne, commissioni e spettacoli in ospitalità.
In “Waiting Room” due donne, inconsapevolmente sotto esame, condividono un dialogo muto in una sala d’aspetto. Come cavie di laboratorio, le loro azioni saranno giudicate e porteranno a una scelta finale, dove solo una sarà considerata idonea.  Questa prova d’esame diventerà chiara con il passare del tempo, e starà alle due donne decidere se accettare o rifiutare i dettami sociali che verranno imposti loro.
La performance, che nasce da un progetto vincitore del Bando, ha una durata di 35 minuti circa.
Durante le giornate, nello SPE – Spazio Performatico ed Espositivo Dello Scompiglio, è possibile visitare “Lacuna”, del duo artistico Afterall, installazione ispirata alla ruota degli esposti di Napoli sulla costruzione dell’identità di genere che nasce dall’attribuzione del nome proprio di persona; “The Wood”, installazione di Barbara Uccelli in cui il filato maschile degli abiti da uomo e la tecnica femminile di ricamo frivolité coesistono in un’opera dove i due generi dialogano e sono dipendenti l’uno dall’altro; la mostra fotografica “Beautiful Men”, di Marcello Bonfanti, racconto visivo di un viaggio in quattro Paesi di tre continenti diversi, in cui si scopre che l’affermazione di una identità di genere non coincidente con quella biologica è una dinamica universale.
È possibile inoltre visitare le opere permanenti negli spazi della Tenuta Dello Scompiglio: “There is not a priori answer to this dilemma (The Dolphin Hotel)” di Francesca Banchelli; “W18S” di Antonio Rovaldi e Ettore Favini; “Un Esilio” di Valentina Vetturi; “L’Attesa” di Cecilia Bertoni con Carl G. Beukman; la mostra collettiva “Il Cimitero della Memoria”; “Arie per lo Scompiglio” di Alfredo Pirri; “Colours Passing Through Perceptions of Shadow and Light” di Maurizio Nannucci.
Print Friendly, PDF & Email

Translate »