energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ataf, Moretti: “Possibili esuberi” Cronaca

Botta e risposta sul trasporto pubblico, stamani, a Firenze. Mentre una delegazione dei lavoratori Ataf protestava sotto la sede della Regione, Mauro Moretti, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, dalla stazione di Santa Maria Novella, gelava le aspettative sul futuro dell'azienda cittadina: “Stiamo facendo il piano industriale, è possibile che vengano fuori degli esuberi”.

Secondo l'ad di Ferrovie, che recentemente ha acquisito il ramo di trasporto pubblico locale, non ci sono garanzie a priori sul futuro dei dipendenti, aggiungendo come anche Ataf “sarà gestita in maniera imprenditoriale, applicando gli stessi metodi che si sono dentro le Ferrovie, come ogni azienda del gruppo”. Dal canto suo, il sindaco Renzi ha assicurato che il Comune cercherà di gestire al meglio i possibili esuberi: “Quando la nuova proprietà di Ataf avrà chiare le idee, immagino a partire dal prossimo gennaio, verificheremo e ragioneremo insieme per trovare, dal punto di vista del Comune, tutte le disponibilità che si potranno dare”. Il sindaco non si è lasciato sfuggire l'occasione di una stoccata ai dipendenti Ataf : ''Avevamo proposto ai dipendenti di fare una cosa insieme, e cioè di ridurre le prerogative del contratto interno di Ataf perché' tutti potessero stare dentro a una determinata partita, mantenendo pubblica la proprietà. Invece, questa nostra offerta ai lavoratori e' stata respinta in modo molto netto”. Secondo Alessandro Nannini, dei Cobas, la dichiarazione di Moretti è invece la conferma di quanto già sostenuto: “Protestiamo da tempo contro il passaggio da un'azienda ad un'altra, perchè abbiamo sempre pensato che questo passaggio non fosse indolore e comportasse dei tagli al servizio, e ai posti di lavoro. Le parole di Moretti- conclude Nannini- confermano che avevamo ragione, purtroppo”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »