energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ateneo pisano, crescono gli stipendi Cronaca

Università, crescono le tasse e, all'Ateneo Pisano almeno, anche gli stipendi. A rimarcare la situazione con un "ci sembra assurdo", è Virgilio Falco, portavoce nazionale di StudiCentro, l'organizzazione studentesca dell'Udc. Che non risparmia una dura presa di posizione nei confronti dei docenti dell'Ateneo pisano: "In un drammatico periodo di crisi ci sembra assurdo che si sia voluto aumentare del 90% le indennità degli organi di governo dell'università di Pisa oltre a portare da 200 a 500 euro il gettone di presenza per i membri del consiglio d'amministrazione. E' uno schiaffo a chi in questi mesi e' costretto a tirare la cinghia e ha difficolta' a mandare i propri figli all'università". E concludono accusando l'Università di prendere "a giusitificazione" la riforma Gelmini: "L'università, usando come giustificazione la riforma Gelmini, ne dimentica il senso: la riduzione e l'accorpamento dei vertici degli atenei è stato voluto proprio per ridurre i costi di governance. Nessuno può sentirsi esonerato dalla generale richiesta di contenimento dei costi, soprattutto quando i trasferimenti statali si assottigliano sempre di più e le tasse universitarie sono sempre più alte". Insomma, Università fra l'incudine e il martello: riforma Gelmini che "accorpa e riduce" da un lato e stipendi in rialzo dall'altro.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »