energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Attacco hacker a Antonella Bundu in diretta streaming, oscenità e razzismo Breaking news, Cronaca

Firenze – Ancora un attacco, nel corso di un intervento on line, ancora offese e insulti a chi interviene da parte di individui anonimi ma ben individuabili: oscenità e inni a Hitler, rivolti in particolare alla capogruppo in consiglio comunale di Sinistra Progetto Comune,  Antonella Bundu. L’attacco è stato sferrato nel corso di un incontro in diretta streaming organizzato dal British Institute che riguardava Alessandro Sinigaglia, partigiano, ebreo, nero e comunista. Insomma, bava alla bocca per gli anonimi personaggi che hanno fatto irruzione nel live in cui Bundu faceva la speaker, anche se, dicono dal British, i disturbatori erano 10 e sono stati cacciati in pochi minuti. Attorno alla vicenda si è alzata la solidarietà del consiglio comunale nei confronti della capogrupppo di Spc, a cominciare dal presidente del Consiglio comunale Luca Milani, che esprime solidarietà e vicinanza alla capogruppo di Sinistra Progetto Comune Antonella Bundu. “Offese vergognose – sottolinea il presidente del Consiglio comunale – da condannare e da perseguire. Mi auguro che si faccia piena luce sull’accaduto e che si riesca a trovare i colpevoli. La libertà di poter esprimere i propri pensieri ed ideali deve essere tutelata. Ad Antonella – prosegue Luca Milani – la mia solidarietà e vicinanza, anche a nome di tutta l’assemblea di Palazzo Vecchio, e l’auspicio che possa tornare a dibattere di questi temi in piena libertà e senza il timore di dover essere interrotta da persone intolleranti che cercano visibilità solo con la provocazione e con l’insulto”.

“Oggi sono stata invitata dal British Institute a tenere una conferenza sul partigiano nero, comunista e ebreo Alessandro Sinigaglia. Il partigiano che ha organizzato i primi Gruppi di Azione Patriottica, fondamentali per sconfiggere il nazi fascismo – ha scritto la consigliera Bundu in un post su Facebook – Appena ho cominciato a parlare, alcuni hacker hanno cominciato a disegnare dei membri maschili (preferirei chiamarli con il loro nome, che inizia con la C e finisce con la I se plurale, ma non vorrei che mi censurassero) e poi a a scrivere Hitler e Neg** (scritto N*****) e a dire delle cose menzionandomi. Hanno dovuto interrompere il collegamento.

Ringrazio il direttore del British Institute, per avermi chiesto di riprovare dopo circa 20 minuti di interruzione, dicendo in perfetto inglese l’equivalente di “non possiamo darla vinta a quei fascisti”.
Ringrazio Justin che è riuscito a mettere dei blocchi alla diretta, per far sì che non potessero intervenire nuovamente.
Ringrazio tutte quelle signore e quei signori che con flemma inglese e pazienza si sono ricollegati e che mi hanno dimostrato il loro appoggio.
Mi dispiace solo che mia madre abbia dovuto assistere a questo schifo ma alla fine abbiamo fatto l’incontro che ha avuto, se possibile, un significato ancora più importante”.
Sulla vicenda sono stati vari gli interventi di solidarietà e condanna da parte di consiglieri e assessori comunali. “Quanto accaduto alla capogruppo di Sinistra Progetto Comune Antonella Bundu durante una diretta streaming è grave, vergognoso e vile, e lo condanniamo con forza”. L’assessora a diritti e pari opportunità Benedetta Albanese interviene su quanto successo. “Spero si faccia piena luce su chi ha organizzato questo attacco hacker insultando con offese volgari e razziste, togliendo la parola ma rimanendo nascosto dietro l’anonimato della rete. Alla consigliera Bundu e agli organizzatori del convegno, costretti ad interromperlo temporaneamente, piena solidarietà”.

“Voglio esprimere una forte solidarietà, a nome di tutto il gruppo del Partito Democratico, alla consigliera Antonella Bundu, che ieri ha subito un’ignobile aggressione di stampo razzista e fascista mentre era collegata con il British Institute per tenere una conferenza sul partigiano nero, comunista e ebreo Alessandro Sinigaglia. Come accaduto recentemente anche ad alcune iniziative promosse dal PD – dice la presidente della Commissione Pari opportunità, pace, diritti umani, relazioni internazionali, immigrazione Donata Bianchi – alcuni hacker hanno fatto irruzione online con aggressioni verbali molto violente. La consigliera ha dovuto interrompere il collegamento, ma poi ha potuto proseguire la sua conferenza promossa nell’ambito del Black History Month, evento che, a mio parere, meriterebbe una maggiore attenzione da parte della città.

Anpi da tempo ci segnala la necessità di essere vigili perché in Italia e a Firenze ci sono organizzazioni che si ispirano al fascismo e al neonazismo, che agiscono in modo più meno palese. Non dobbiamo sottovalutare un rischio, sempre presente – conclude Donata Bianchi – di aggressione ai valori fondanti la nostra Repubblica. E ogni episodio deve essere condannato con fermezza, e la proposta di legge del sindaco di Stazzema serve anche a questo”.

La lapide che ricorda il comandante partigiano Alessandro Sinigaglia, ucciso dalla banda Carità, in via de’Pandolfini a Firenze

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »