energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aulla: il punto sulla ricostruzione di Enrico Rossi Cronaca

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, è tornato ieri, 14 dicembre, in Lunigiana. In qualità di commissario straordinario per l’alluvione del 25 ottobre, Rossi ha incontrato il presidente della Provincia di Massa Carrara, Osvaldo Angeli, i sindaci della Lunigiana ed i tecnici impegnati nelle azioni di ricostruzione.« Stiamo realizzando un grande intervento per la messa in sicurezza della zona in modo da poter garantire una relativa tranquillità nei prossimi anni», ha dichiarato Rossi al termine dell’incontro tenutosi nel Municipio di Aulla. Passando in rassegna lo stato di avanzamento dei lavori, il Governatore ha spiegato che l’intervento più significativo sarà quello di messa in sicurezza della zona colpita dall’esondazione del Magra con opere di difesa idraulica (nuovi argini del fiume ad Aulla e costruzione di eventuali casse di espansione), operazione che dovrebbe costare alla Regione circa 20 milioni di euro. D’intesa con l’Autorità di Bacino, verrà ripristinato l’equilibrio sedimentologico del Magra, partendo dal tratto del fiume che attraversa Aulla. Nei primi mesi del 2012 saranno poi effettuati interventi per la sistemazione delle strade, mentre per la ricostruzione dei ponti i lavori partiranno con un po’ più di ritardo a causa del tempo necessario per la pubblicazione del bando per l’idea progettuale dei nuovi ponti della Lunigiana. Sempre ad Aulla, la cittadina più colpita dall’esondazione del Magra, la Regione realizzerà 48 alloggi popolari ed una nuova scuola, così da garantire il regolare inizio del nuovo anno scolastico a settembre 2012. Alle aziende rimaste danneggiate dall’alluvione l’ordinanza del presidente del Consiglio, Mario Monti, prevede un rimborso del 75% per le attrezzature e del 30% per merci. Per i danni alle auto, invece, verranno garantiti rimborsi del 70% per danni compresi fra 500 e 10.000 euro, del 60% per danni fra 10.000 e 15.000 euro, del 50% per danni da 15.000 e 20.000 euro e del 40% per danni superiori ai 20.000 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »