energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Autodromo del Mugello, l’Università dei piloti Sport

Mugello, un circuito con una storia infinita che risale fin dai primi anni del secolo scorso anche se a quei tempi si correva su strada. Il circuito vero e proprio viene realizzato negli anni '70 e successivamente viene fatto un restyling proprio da Enzo e Dino Ferrari.
Il circuito è stato modernizzato, modificato a livello di sicurezza con vie di fuga più ampie e strade che affiancano tutti i suoi 5,245 metri per far passare in tutta sicurezza e velocità i mezzi di soccorso. Da quest’anno possiamo ammirare il numero 58 posto nella tribuna rialzata alla fine della seconda curva “Arrabbiata”, dedicata al campione Marco Simoncelli scomparso in ottobre scorso in una terribile caduta.

In questo circuito sono avvenuti i duelli più belli di tutti i tempi, con nomi illustri a livello mondiale come Giacomo Agostini, Barry Sheene, Kenny Robers, Freddie Spencer Mike Doohan fino al nostro Valentino Rossi che in questo tracciato ha vinto in tutte le classi fino ad un primo posto con la 500cc Honda nel 2002 ed infine dal 2003 al 2008 ha primeggiato ogni anno sia con la Honda Moto Gp che con la Yamaha sempre Moto Gp.
Un circuito che, per gli amanti delle due ruote, dà un sacco di emozioni. Con un sali e scendi di curve miste, per esattezza 15 curve, rettilinei pochi ma molto veloci. Un tracciato veloce ma al tempo stesso estremante tecnico. Si usa dire che l'università del motociclismo sia il circuito di Assen in Olanda. Ma da quando è stato modificato, Assen ha perso quella tecnicità che lo rendeva unico, proclamando di fatto il circuito del Mugello la vera Università dei motociclisti. con il record di velocità di 349, 3Km/h e con un tempo di 1.50.808, conseguito da Dani Pedrosa nel 2009 con Honda HRC da fare accapponare la pelle.
Ci sono sempre grandi aspettative al Mugello specie questa volta.

In questo week-end forse sapremo per certo se Valentino rimane in Ducati, la notizia già in parte confermata tiene in sospeso tutti i fans che non hanno mai smesso di credere nel loro campione. Inoltre, visto che la classifica si è riaperta nella gara della settimana scorsa in Germania con il primo podio stagionale di Dani Pedrosa, con il secondo posto di Jorge Lorenzo e con la povera e rovinosa caduta all'ultima curva dal traguardo del campione in carica Casey Stoner, i tifosi si aspettena una gara da cardiopalmo.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »