energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Autorecupero, se ne parla venerdì in Palazzo Vecchio Società

Autorecupero, vale a dire un sistema per rimettere in buono stato strutture con un ruolo non solo abitativo, ma anche sociale significativo sul territorio. Una modalità che occhieggia a esperienze felicemente portate a termine e "normali" nei paesi del Nord Europa. Nessun consumo di territorio, e l'innegabile vantaggio di reimmettere idee nuove e modalità sociali nell'abitare.
Un canale , quello dell'autorecupero, che è stato ampiamente dibattuto nel corso degli ultimi anni sia dalla Regione Toscana, che, in parte, dai comuni. Infatti, anche il comune di Firenze, nella scorsa legislatura, aveva strizzato l'occhio, pur senza mai giungere dalle parole ai fatti, a questa particolare modalità di recupero della residenza abitativa. E, per quanto riguarda la Regione, la questione è stata posta da tempo.

A  rinfrescare un dibattito che appare ormai stagnante venerdì 25 maggio, alle 15,30, nella Sala delle miniature in Palazzo Vecchio, si terrà la presentazione dei progetti di recupero abitativo a Firenze. L'evento è stato organizzato dall'associazione di autorecupero "Hassan Fathy", dall'associazione di mutuo soccorso "Abucar Moallin", dalla cooperativa "Un Tetto sulla Testa", dall'associazione "Cohabitat" e dall'associaizone "Chiedo Asilo" in collaborazione col Gruppo consiliare "Un'altraCittà".

Titolo dell'evento, "Dall'emergenza abitativa al recupero del patrimonio". Fra i progetti che verranno presentati, l'Ex-Orfanotrofio Bice Cammeo in via Aldini 5, di proprietà della Asl 10 Fi, occupato nel 1990. Sede dell'associazione "Hassan Fathy" e della cooperativa "Un Tetto sulla Testa".
L'ex-Asilo Ritter, ubicato in via Reginaldo Giuliani, 364, occupato nel 1991, proprietà del comune di Firenze;  il Centro sociale Kulanka, che si trova in via Luca Giordano, negli ex magazzini economiali dell'ospedale Meyer, proprietà del comune di Firenze; Cecco Rivolta in via Dazzi, ex-colonica facente parte del complesso delle Montalve, di proprietà dell'Università degli Studi di Firenze.

Il calendario: inizio alle ore 16 con la presentazione dei progetti, ore 16,30 interventi degli architetti Maurizio De Zordo e Giancarlo Paba; ore 17 interventi dei movimenti e sindacati del diritto alla casa e dei Comitati a tutela dei Beni Comuni; ore 17,30 conclusioni di Ornella De Zordo (Unaltracittà) e di Tommaso Grassi (Sel). 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »