energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Azienda Cavalli, chiude la sede di Sesto, tutti a Milano, sindacati in guerra Breaking news, Cronaca

Sesto Fiorentino – Azienda Roberto Cavalli, altro che rilancio: l’azienda annuncia la chiusura della sede di Sesto Fiorentino e lo spostamento di tutto il personale (170 addetti) a Milano. Non ci stanno i sindacati, che spiegano : “Nel corso di un incontro richiesto rispetto all’applicazione della cassa integrazione, l’azienda ci ha comunicato la decisione del consiglio di amministrazione di voler procedere al superamento della sede di Firenze, con il trasferimento di tutto il personale (170 dipendenti) a Milano, nell’arco dei prossimi mesi. Dopo i gravissimi mesi di totale assenza di chiarezza sulle prospettive industriali della Roberto Cavalli e sul futuro delle attuali sedi di lavoro delle persone, in una situazione di piena emergenza sanitaria del paese e con l’azienda ferma, la nuova proprietà ha comunicato la decisione di chiudere la sede di Sesto Fiorentino”.

Cgil e Cisl,  insieme alle Rsu aziendali, hanno espresso tutto il loro disappunto. “Una scelta che abbiamo tentato di scongiurare con ogni mezzo. Dopo i tagli, le esternalizzazioni e i cambi di management – sempre sulle spalle dei lavoratori -a più riprese abbiamo richiesto certezze sul futuro dell’azienda e delle persone che ci lavorano, non ultimo nel tavolo di crisi in Regione Toscana. Preannunciare oggi un’ipotesi di trasferimento a Milano ci pare davvero una scelta inaccettabile per un marchio che qui, a Firenze, doveva invece rilanciarsi. Nel momento in cui tutte le aziende della moda sembrano prepararsi alla ripartenza e la discussione è centrata sulla massima tutela della condizione di sicurezza  e tranquillità dei lavoratori, la nuova Roberto Cavalli sembra disinteressarsi dell’impatto che questa decisione può avere sui suoi lavoratori”.

Sindacati sul piede di guerra, con una contestazione a tutto tondo, tanto più, dicono, che si tratta di “una decisione non accompagnata dalla necessaria presenza di un piano industriale. Chiediamo che i passi dell’azienda si realizzino a valle di una verificata, strutturata e seria organizzazione futura: ormai troppe sono state le scelte fallimentari nella gestione della Roberto Cavalli sulla base di azioni che mai hanno risposto alla tutela dell’occupazione e delle condizioni di lavoro delle persone. Restiamo convinti che il rilancio di immagine di un’azienda di questo tipo non passi solo attraverso la  pubblicità, ma anche dalla misura del livello di responsabilità sociale nei confronti di chi ci lavora. Abbiamo immediatamente richiesto alla Regione Toscana la riattivazione del tavolo di crisi, dove peraltro più volte è stata ribadita la centralità del territorio anche per il rilancio dell’azienda”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »