energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aziende ecosostenibili: la Valle del Sasso di Flavio Giannetti STAMP - Azienda

La Valle del Sasso di Giannetti è oggi l’azienda agricola “più giovane e verde” della Valdisieve: il verdetto è arrivato dall’“Oscar Green 2011”, evento annuale organizzato da Coldiretti Giovani impresa cui partecipano imprenditori agricoli di tutto il Paese, che premia le realtà aziendali capaci di accogliere e rilanciare la sfida di un mercato agricolo innovativo. Dall’incoscienza e dall’entusiasmo dettati dai suoi vent'anni, Giannetti ebbe nel 2002 l’ardire di correre dietro l’idea di azienda ecosostenibile. Tanta passione, un bel bagaglio di conoscenze accumulate all'università di agraria di Firenze e via: nell’arco di pochi anni, Gianetti ha conseguito la laurea in zootecnia, muovendo verso una maturazione imprenditoriale perfezionata sul campo e, dato il contesto, “nel campo”.
Il nome dell'azienda è un tributo a quel Santuario della Madonna del Sasso che si scorge dai campi in cui Giannetti opera, in uno dei pochi ambienti ancora immacolati della natura toscana, a 402 metri sul livello del mare. Si tratta di uno scampolo di territorio incontaminato, popolato da poco più di 800 anime, ideale per la coltivazione dell'olivo e per l'allevamento di animali grazie alla sua lunga distesa di colline dalle mille coloriture. A fare da amena cornice per l’azienda, l’area naturale protetta di Santa Brigida, per la cronaca l’unica in Italia ad ospitare il Cisto Laurifolius, una rarissima specie floreale considerata un'eccellenza nel campo della biodiversità. Di particolare pregio artistico e di grande valore spirituale il sopra menzionato Santuario della Madonna delle Grazie, situato nella vallata dirimpetto a Santa Brigida e detto per l’appunto anche della Madonna del Sasso, in riferimento a una serie di apparizioni miracolose della Vergine riportate dalle cronache toscane di fine ‘400.
In un simile contesto di ineguagliabile spessore, il sogno di Flavio Giannetti è divenuto a conti fatti una realtà che affianca un fatturato in crescita ad una produzione votata al pieno rispetto della “filiera corta”: olio di primissima scelta, carni di ottima qualità di manzo, suino, coniglio, oltre alla produzione dei cibi per gli animali preparati in azienda fino all’accompagnamento al macello, fanno della “Valle del Sasso” un marchio già eccellente nell’ambito del panorama agronomo toscano.
All’Oscar Green 2011 la Valle del Sasso è arrivata in finale conseguendo menzione per la categoria “Stile e cultura di impresa”, per la capacità di fare impresa nel rispetto della natura, degli animali e della qualità. Il valore aggiunto messo in campo da questa realtà d’eccellenza agricola della nostra regione consiste in particolare nell’avere elaborato un’alimentazione innovativa, costituita da una certa tipologia di cereali che consente uno sviluppo più armonico degli animali. Un tema peraltro su cui Giannetti scrisse, per la cronaca, anche la tesi di laurea. Basta analizzare i prodotti dell’azienda per capire le radici di una realtà fiorente e innovativa.
La carne dei vitelli nati dalle fattrici presenti in azienda, ad esempio, viene consegnata divisa per tipo di taglio in sacchetti alimentari, già pronta per essere cucinata o congelata: Giannetti non utilizza il confezionamento sottovuoto in quanto il fenomeno dell'anaerobiosi può alterare la carne. Ogni pacco comprende varie leccornie tra cui meritano citazione le bistecche, il filetto, il macinato e lo spezzatino. La qualità dei vitelli, disponibili con scadenza trimestrale, è garantita in base ad un'alimentazione imperniata su fieni di prati locali e cereali prodotti in zona, acquistati rigorosamente interi e macinati in azienda stessa. Non vengono utilizzate farine già preparate né mangimi composti: la dieta alimentare si compone di erba fresca, mele e pere selvatiche e ortaggi dell'orto aziendale, selezionati in virtù della stagione.
Nel caso del caratteristico pacco di maiale, che prevede un vasto assortimento di prelibatezze tra le quali roastbeef di prosciutto arrosto, salsicce, bistecche e rosticciana, la macellazione viene effettuata in una macelleria autorizzata garantita: i maiali sono disponibili ogni due mesi e la loro qualità è garantita dalla stessa curata alimentazione, come nel caso dei vitelli.
I conigli sono invece alimentati con semi di cereali germogliati, il sistema assolutamente inedito ideato dallo stesso Flavio Giannetti, oggetto della sua tesi sperimentale di laurea: le fattrici partoriscono in gabbie di legno sopraelevate rispetto al suolo, mentre la prole viene svezzata tardivamente (due mesi circa) affinché possa beneficiare il più possibile del latte materno. L'ingrasso viene quindi condotto in recinti all'aperto nei mesi caldi e in gabbie spaziose ed areate durante i mesi freddi. Non può mancare, per una realtà agricola toscana, il riferimento all'olio: venduto in dame di diversa capienza imbottigliate presso il frantoio, viene prodotto senza ricorrere ad alcun tipo di trattamento, neanche il classico a base di solfato di rame. Il concime per gli olivi è organico, prodotto in azienda, consentendo d’ottenere un olio "vero" e rispettare l'ambiente, assecondando la struttura territoriale.
“Sono emozionato – aveva affermato Giannetti in occasione della premiazione Coldiretti – perché questa menzione è un riconoscimento all’impegno e al sacrificio fatti in questi anni. Tante volte ho pensato che la giovane età mi avesse fatto compiere un passo più grande della gamba e invece oggi la Valle del Sasso è una realtà apprezzata sul territorio da tanti clienti e da associazioni importanti”.
Il sogno realizzato da Flavio Giannetti non offre quindi solo delizie del palato ma anche un ritorno alle origini in grado di conservare un tesoro che i nonni toscani preservarono con cura e che la nuova generazione imprenditoriale agricola non solo non può dilapidare, ma può esaltare attraverso nuove conoscenze, tecnologie e risorse mediatiche. Così, la Valle del Sasso commercia i propri prodotti attraverso vendita diretta, a dire di Giannetti “il modo più affidabile per mantenere un ciclo chiuso fedele al principio della qualità e della sostenibilità”. Il metodo di lavoro e la vendita sono imperniate su un sapiente uso dei nuovi media: il sito www.lavalledelsasso.it, che contiene anche deliziose ricette, un’ampia mailing list, nonché un gruppo Facebook che conta circa 360 membri.
Giannetti ama la natura, con le sue piogge e quelle gelate che talvolta gli fanno maledire, ovviamente in toscano doc, il giorno in cui ha deciso di dare concretezza alla sua intuizione.
In prospettiva, il suo desiderio non è tuttavia quello di una grande azienda, capace magari di produrre in serie con il rischio di spersonalizzare se stessa e tradire la sua vocazione di essere fedele al territorio e ai ritmi cadenzati dal tempo. L’intento di Giannetti è continuare a dare forza al suo sogno, l'unica "crescita" da lui concepita e l'unica ragione per la quale accetta ogni mattino la chiamata alla levataccia ed ogni sera il riposo solo a tarda ora. Conciliare tenuta economica e rispetto per l’ambiente non é soltanto una sfida per lui, ma il vero valore aggiunto di un’impresa capace di dimostrare come l’attenzione e la diversificazione rispetto alle qualità intrinseche di un territorio contino più della quantità e che l'equilibrio paghi più della frenesia, anche in termini di resa dell’utile.



Mario Agostino

Print Friendly, PDF & Email

Translate »