energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Azione Cattolica: aperte le iscrizioni ai campi scuola estivi Società

Oggi, domenica 22 aprile, presso la parrocchia del Corpus Domini al Bandino a Firenze, l’Azione Cattolica celebra fino alle ore 18 la Festa degli Incontri, proposta dal settore  Ragazzi a conclusione del cammino dell’anno, prima dell’apertura del tempo dell’estate e dei Campi esitivi. Oggi si conclude anche il cammino formativo diocesano che il settore adulti dell’associazione ha proposto a quanti hanno voluto approfondire insieme la Parola di Dio. Ma cos'è l’Azione Cattolica di Firenze (AC), “Siamo un associazione – ci dicono alla presidenza diocesana – che riunisce i laici che, nella diocesi, aderiscono all’associazione nazionale per realizzarne gli ideali nella concretezza del nostro tempo e del nostro territorio, lungo l’arco di ogni età, nella Chiesa e nella società. Siamo per scelta – ci tengono a precisare – associazione di laici, che si impegnano liberamente in forma organica e aggregata in diretta collaborazione con la Gerarchia per la realizzazione del fine generale apostolico della Chiesa. Siamo adulti giovani e ragazzi, impegnati a vivere, ciascuno a misura della propria età e condizione di vita, l’esperienza della fede, l’annuncio del Vangelo e la chiamata alla santità, convinti che sia doveroso e possibile educarci reciprocamente alla responsabilità e alla bellezza”.

Preciso anche il progetto: “Il nostro progetto formativo, significativamente intitolato ‘Perché Cristo sia formato in voi’, attraversa tutta la vita della persona, ed è stimolato dalle linee pastorali della CEI”. In particolare i ragazzi sono al centro del loro raggio d’azione. “L’esperienza formativa in Acr è vissuta dal ragazzo secondo un cammino catechistico e secondo un itinerario associativo-caritativo, attraverso un itinerario formativo che, a partire dalla realtà dei ragazzi, li chiama ad accogliere la Parola di Dio per fare poi esperienza, nel confronto con i compagni e con la comunità, della maturazione di atteggiamenti evangelici. Quindi l’Acr non è un metodo, l’Acr ha un metodo per imparare a scegliere, con libertà, di seguire Gesù”.

I giovani vengono invece indirizzati a fare scelte di vita coraggiose, nel mondo del lavoro, della scuola e nell’intera società, perché siano parte attiva della stessa, per la crescita del bene comune.

Gli adulti e le famiglie invece vengono portati a valorizzare le rispettive competenze ed esperienze nella Fede nella concretezza degli ambiti della vita affettiva, del lavoro della cittadinanza.

Pochi lo sanno al di fuori dall’AC, ma l’anno associativo si suddivide in quattro tappe: ad ottobre il mese del Ciao, a gennaio il mese della Pace, ad aprile-maggio il mese degli Incontri, da giugno il Tempo Estate Eccezionale che si compie con la proposta estiva del campo scuola.

Fino al 27 aprile prossimo è possibile iscriversi ad uno dei numerosi campi scuola estivi dell’Azione Cattolica rivolti ai bambini, ragazzi, giovani, adulti, famiglie. Un’opportunità di crescita umana e cristiana ed esperienza di famiglia e di Chiesa.

“Considerarli solo una bella settimana messa lì – ci dicono – sarebbe, oltreché riduttivo, uno… spreco. Essi rappresentano infatti un’esperienza forte, che affonda le sue radici e trova la sua ragion d’essere nel più ampio Progetto Formativo dell’AC, che colloca i soggiorni estivi come un punto di arrivo e di (ri)partenza. Non c’è solo la buona riuscita del campo, che non è poco, ma anche il desiderio e l’impegno a far sì che le relazioni umane e cristiane che abbiamo intrecciato al campo diventino un nuovo inizio proprio quando torniamo a casa”.

Le location, tra giugno e agosto, sono: Pelago, Mammiano, Sappada, Vigo di Cadore, Molina di Fiemme, Marina di Massa, Prati di Tivo. Tutte le informazioni  su date e costi sul sito www.nuke.acfirenze.it.

“I Campi estivi poi sono il frutto di un appassionato, faticoso e lungo lavoro che vede impegnato, fin dall’autunno precedente, l’intero Centro diocesano dell’Azione Cattolica fiorentina: presidenza e consiglio, segreteria organizzativa, équipes delle articolazioni – ACRagazzi, Giovani, Adulti – e specifiche commissioni preparatorie. La fase di studio e preparazione cura ed affronta i vari aspetti: dalla scelta del tema di fondo alla redazione degli specifici sussidi per le varie fasce d’età; dalla scelta delle strutture ospitanti alle questioni logistiche, economiche, amministrative e gestionali; dalla programmazione delle giornate alla scelta delle tecniche di animazione; dalla preparazione degli educatori alla promozione della proposta e ai rapporti con le associazioni di base, le parrocchie e le famiglie”.

Ai Campi poi prestano servizio sacerdoti, seminaristi, educatori laici di varie realtà parrocchiali e volontari per i servizi di cucina e tecnico-logistici.

Nei Campi Bambini e Ragazzi il ruolo chiave viene svolto dal gioco e dall’utilizzo di specifiche tecniche di animazione. Nei Giovanissimi e Giovani centrale è l’aspetto socializzante, con momenti dedicati alla riflessione e al confronto, le passeggiate e le escursioni. Nei Campi per Famiglie e Adulti si vive con lo stile della “vacanza impegnata”, avendo attenzione alle esigenze ed ai ritmi della famiglia e proponendo percorsi ed attività specifiche per i bambini e ragazzi. Un discorso a parte è quello del Campo Spiritualità Adulti dove si sperimenta, in un clima di serenità e accoglienza reciproca, un periodo di approfondimento spirituale.

Quest la giornata tipo: ore 8 sveglia, 8,30 preghiera del mattino-colazione-sistemazione camere-pulizie della Casa, 10 inizio delle attività d’insieme o in gruppetti, 12,30 pranzo, 14 tempo a disposizione,  15 ripresa attività d’insieme o in gruppetti, 17 merenda, 18 verifica attività della giornata,  18,30 pulizia personale, ore 20 cena, ore 21,30 giochi e animazione,
ore 23 preghiera della sera e buonanotte.

Costi molto bassi: per i bambini 200-215 euro, giovani 260-280 euro, adulti 350 euro, se con figli 100 euro in più, ma gratis fino ad un anno. Sconti del 20% per chi iscrive più figli.

L’anno scorso al campo scuola famiglie parteciparono anche il Cardinale Betori e il Vescovo Ausiliare Maniago.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »