energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bacco Artigiano, 40 anni di eccellenza, festa fra Rufina e Firenze Cronaca

Firenze – Nell’annata migliore degli ultimi tempi, in attesa della fine della vendemmia, il Chianti Rufina festeggia i 40 anni del Bacco Artigiano e i 100 anni del Comune di Rufina.

Il paese toscano ha fatto le cose in grande stile con quattro giorni intensi (dal 24 al 27 settembre) con eventi dedicati al vino ma non solo. La manifestazione che ad oggi attira visitatori non solo dal territorio per i festeggiamenti del 2015 ha attivato costruttive relazioni con gli enti presenti e grazie all’attività del Consorzio Chianti Rifina è riuscita a coinvolgere portare molte aziende vinicole della zona.

Villa Poggio Reale sarà la nuova location dove i produttori del Consorzio proporranno degustazioni guidate delle numerose etichette presenti anche curate dall’Associazione Italiana Sommelier e la possibilità di visitare le aziende vinicole Le coste e Fattoria del Capitano.

 Quattro giorni di intensa attività che hanno richiesto un grande sforzo, come ci ha raccontato il sindaco di Rufina Mauro Pinzani, attività che riguardano non solo il vino ma arte, musica, sfilate di auto, didattica e naturalmente l’offerta di prodotti tipici del territorio.

Non nega la soddisfazione di appartenenza Federico Giuntini, Presidente del Consorzio Chianti Rufina, che aveva 8 anni quando partecipò al primo Bacco Artigiano. La stessa soddisfazione che mostra parlando dell’annata 2015 che ha regalato un clima perfetto che ha prodotto uve di grande qualità, mature e ricche e che promette un vino eccellente.

Ma Rufina è sempre stata legata a Firenze, un legame che ha mantenuto vivo e che oggi ricorda con il tradizionale evento dell’”offerta del vino del contado alla Signoria di Firenze. Il corteo storico sfilerà per le vie del centro che incontrerà il “Carro Matto”, il tipico carro trainato da buoi bianchi che sorregge una piramide di fiaschi. Da Piazza San Giovanni, dopo la benedizione che si svolgerà sul sagrato del Duomo, il carro procederà alla volta di Palazzo Vecchio. Lungo il tragitto farà tappa presso la Chiesa di san Carlo dei Lombardi per la tradizionale offerta dell’ampolla del vino e infine, sull’ Arengario di Palazzo Vecchio il vino sarà offerto alla Signoria.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »