energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bambino di 7 mesi muore dopo dimissioni da ospedale: indagini in corso Cronaca

Borgo San Lorenzo (FI) – Il bambino di 7 mesi, curato all’Ospedale di Borgo San Lorenzo per disidratazione da gastroenterite acuta, era stato da lì dimesso venerdì. Nella tarda serata di domenica l’allarme dei genitori per l’arresto cardiaco del piccolo, i tentativi di rianimazione da parte prima dei sanitari di ambulanza e del medico dell’auto medica, giunto dopo l’ambulanza, e poi dei medici dell’Ospedale pediatrico Meyer dove il piccolo è arrivato alle 00:42, purtroppo tutti vani. I genitori hanno fatto denuncia: i carabinieri stanno indagando, dopo aver acquisito copia della cartella clinica.

Intorno alle 23 di domenica i  genitori del bambino hanno chiamato il 118 segnalando che il figlio era in arresto cardiocircolatorio. I genitori nell’attesa del soccorso sono stati guidati telefonicamente, dai medici della centrale 118, alla prime operazioni di emergenza. Alle 23.09 è giunta sul posto l’ambulanza e i sanitari hanno iniziato la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco, operazione che ha proseguito il medico giunto con l’auto medica alle 23.13. Alle 23.17 è arrivata una ambulanza medicalizzata partita alle 0.18 alla volta dell’ospedale pediatrico Meyer, dove è giunta alle 0.42. Anche lì i medici di turno hanno proseguito i tentativi di rianimazione, risultati vani.

Il bambino – riferisce l’azienda sanitaria di Firenze – era stato ricoverato in pronto soccorso mercoledì per una forte disidratazione da gastroenterite acuta, senza segni di febbre. Dopo le prime indagini, era stato sottoposto a idratazione idroelettrolitica parenterale e a terapia antibiotica, oltre ovviamente a tutti gli esami e gli accertamenti del caso. Dopo due giorni, venerdì, le condizioni cliniche generali del piccolo sono risultate buone, normalizzati gli elettroliti, così come rimasti nella norma i parametri vitali e in via di ordinaria ripresa l’attività intestinale, per cui è stato dimesso prescrivendo una opportuna terapia.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »