energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Banca Mps, al via raggruppamento azioni ordinarie Economia

Siena – Fra 4 giorni, esattamente il 18 maggio 2015, la Banca Monte dei Paschi di Siena procederà al raggruppamento delle  “5.116.513.875 azioni ordinarie esistenti, prive dell’indicazione del valore nominale, godimento regolare (ISIN IT0004984842), cedola n. 2, in  255.825.693 nuove azioni ordinarie, prive dell’indicazione del valore nominale, godimento regolare (ISIN IT0005092165), cedola n. 1″.

L’operazione verrà eseguita in attuazione della deliberazione assunta dall’Assemblea Straordinaria dei soci di Banca Monte dei Paschi di Siena che si è tenuta il 16 aprile scorso, avente ad oggetto il raggruppamento delle azioni ordinarie BMPS nel rapporto di 1 nuova azione ordinaria ogni 20 azioni possedute. L’operazione verrà effettuata previa iscrizione della delibera assembleare presso il Registro delle Imprese di Siena e verrà preceduta dall’ annullamento di 15 azioni ordinarie BMPS (di cui 9 azioni detenute da BMPS stessa e 6 azioni messe a disposizione da Intermonte SIM S.p.A.) ai fini della quadratura dell’operazione.

La notizia è stata diffusa dalla stessa Banca in una nota, in cui si legge che al termine del raggruppamento il capitale sociale rimarrà invariato e sarà pari a 5.765.522.412,60 euro,  “come risultante dalla delibera di riduzione del capitale assunta dall’Assemblea Straordinaria di BMPS ai sensi dell’art. 2446 del codice civile in data 16 aprile 2015 e che sarà oggetto di iscrizione al Registro delle Imprese di Siena, suddiviso in numero 255.825.693 azioni ordinarie, prive dell’indicazione del valore nominale, che saranno negoziate con il nuovo codice ISIN (ISIN IT0005092165) a partire dal 18 maggio 2015 sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.”. 

Intanto, proprio ieri la Banca senese ha ricevuto dalla Banca Centrale Europea il via libera  all’aumento di capitale in opzione da 3 miliardi e il conseguente rimborso dei nuovi strumenti finanziari per un valore nominale pari a 1,071 miliardi di euro. Una tranche di rimborso che, “a seguito del rimborso effettuato lo scorso anno per un importo pari a 3 miliardi, consentirebbe l’integrale restituzione da parte di BMPS degli aiuti di Stato ricevuti dalla medesima, con largo anticipo rispetto alla scadenza inizialmente concordata con la Commissione europea, prevista per la fine del 2017″. Pertanto, come già anticipato dalla stessa Banca, “avendo ricevuto l’approvazione della BCE, BMPS intende lanciare l’Aumento di Capitale in Opzione non appena possibile, prevedibilmente entro la fine di maggio”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »