energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Battaglia di Anghiari, Verdon della diocesi: “Fermate i rilievi a Palazzo Vecchio” Cronaca

Monsignor Timothy Verdon, storico dell’Arte e direttore dell'Ufficio di Arte Sacra e Beni Culturali Ecclesiastici della diocesi di Firenze, dice no ai rilievi in Palazzo Vecchio su l’opera di Vasari, e chiede che siano fermati i lavori d’indagine, tanto voluti dal Sindaco Matteo Renzi. Il preoccupante allarme lanciato dal monsignore, di origini americane, è stato fatto niente meno che dai microfoni della Radio Vaticana. “'Può benissimo darsi – ha detto il monsignore – che sotto lo strato dell'opera del Vasari ci sia qualche resto di un'opera di Leonardo, ma ciò che oggi si potrebbe trovare non è certamente il concetto di Leonardo nella sua forma originaria. Anzi, si può supporre che gli effetti di degrado avvenuti subito dopo la realizzazione, siano peggiorati con il passaggio del tempo”. Verdon, che da qualche mese è anche direttore del museo dell’Opera del Duomo di Firenze, si chiede se valga “la pena togliere un fastoso, anche noioso se vogliamo, affresco vasariano, che tuttavia fa parte di un grandioso programma decorativo? Io ho dei dubbi che possa valerne la pena. Noi oggi – avverte – anche attraverso l'industria delle mostre, diventata quasi ossessiva, tendiamo ad idolatrare i nomi degli artisti. In questo caso il nome è illustre, ma rischiamo di scoprire qualcosa che può essere là, ma totalmente illeggibile, se non completamente rovinata da non esistere più in quanto opera d'arte. Si andrebbe a distruggere l'effetto globale del Salone di Palazzo Vecchio, che è uno dei capolavori del decorativismo manieristico fiorentino del secondo '500”. Per Verdon “il gioco non vale la candela. Imparare molte cose su Leonardo, posto che ci sia un'opera intera sotto quella del Vasari, a costo di compromettere un'altra opera di grande valore – che non ha il lustro del nome quasi magico di Leonardo, ma che comunque è parte integrante di un insieme decorativo assolutamente brillante- mi sembra un peccato. Nell'incertezza io, forse per l'età che ho, forse per la condizione sociale di essere sacerdote, preferisco la prudenza”. Verdon, che in Vaticano è molto apprezzato, nominato dal Papa più volte quale membro di sinodi e commissioni, spiega che, anche se ci fosse la sicurezza di trovare un'opera integra di Leonardo, preferirebbe spronare gli scienziati a scoprire un modo di asportare la pellicola dipinta dalla parete. Resta da capire se il monsignore ha parlato, nonostante sia il responsabile dell'Arte per la diocesi, e l'allarme sia stato lanciato attraverso Radio Vaticana, a titolo personale o a nome della diocesi. Sicuramente il Cardinale sulla questione ha una sua opinione, e forse, presto, la esprimerà anche pubblicamente.

Foto: www.timothyverdon.com

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »