energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Beautiful Sounds: una giornata di studio sui suoni positivi Cultura

Firenze – Il suono gioca un ruolo importante nella fruizione dei luoghi e dei paesaggi così come in tutte le attività umane. L’Anno Internazionale del Suono (International Year of Sound – IYS 2020) è un’iniziativa globale riferita alla “Charter of Sound” UNESCO n. 39C/59.

Ha lo scopo di evidenziare l’importanza del suono e delle scienze e tecnologie ad esso correlate, nella società e nel mondo, considerando gli aspetti del paesaggio sonoro e del controllo del rumore in natura, nell’ambiente costruito e nei luoghi di lavoro. L’Anno Internazionale del Suono comprende attività organizzate a livello regionale, nazionale e internazionale sotto il coordinamento della International Commission for Acoustics (ICA). In Italia le attività sono coordinate dall’Associazione Italiana di Acustica.

Fin dal 1998 il Comune di Firenze organizza le Giornate di Studio sull’Acustica, in collaborazione con l’Associazione Italiana di Acustica e l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze. I temi trattati nelle precedenti “giornate” hanno riguardato il disturbo da rumore in ambito urbano, i suoi effetti e la sua mitigazione, evidenziando la correlazione tra l’esposizione al rumore e la salute delle persone esposte, anche nell’ambito dei progetti europei HUSH e QUADMAP che hanno visto protagonista come coordinatore e partner il Comune di Firenze. I paesaggi sonori, naturali e antropizzati, sono componenti fondamentali dell’identità dei luoghi.

Studiarli dal punto di vista storico, naturalistico e sociale contribuisce a salvaguardarli e valorizzarli. Il suono è una parte essenziale della comunicazione tra gli esseri umani, sotto forma di parlato e ascolto, avvertimento, musica e suoni creativi. I suoni indesiderati e disturbanti, percepiti come rumore, devono essere controllati per garantire ambienti di vita e di lavoro di qualità.

Le tematiche dell’acustica sono molteplici e riguardano quasi tutti gli aspetti della società moderna. Gli ambiti di studio, di ricerca e di sperimentazione comprendono l’acustica ambientale, l’acustica edilizia e architettonica, la bioacustica e la psicoacustica, l’acustica musicale, l’elettroacustica e l’audio design il controllo del rumore, l’audiologia e la fonetica, l’acustica fisica e l’acustica subacquea.

Dopo il successo delle giornate di studio “Noise and the city” sull’anima sonora delle città, e “A quiet place” su zone urbane tranquille e tollerabilità del rumore, ingegneri e architetti, medici e filosofi, musicisti e scrittori, esperti di suoni e di bellezza sono di nuovo a Firenze, nel Salone dei Cinquecento, per parlare di “Beautiful Sounds”, suoni positivi per luoghi felici (Giovedì 5 marzo dalle ore 8,30).

Un bel modo per iniziare a celebrare anche in Italia l’Anno Internazionale del Suono. Nella tradizione delle “Giornate” di Palazzo Vecchio, anche il seminario scientifico di quest’anno raccoglie contributi ed esperienze di esperti provenienti da molti settori che a livelli diversi si occupano di suono e benessere negli ambienti di vita.

La giornata, inserita nel programma dell’Anno Internazionale del Suono, si compone di quattro sessioni dedicate ai suoni del mondo e alle componenti identitarie del suono come fonte di memoria, di salute, di piacere e alla compatibilità dei suoni e dei rumori con il territorio.

A queste si aggiunge una sessione strutturata sui temi dell’importante progetto europeo Life E-VIA, coordinato dal Comune di Firenze, che tratta delle problematiche di acustica legate alla mobilità elettrica e propone soluzioni di mitigazione del rumore in città.

A completamento della Giornata di Studio viene proposta ai partecipanti una performance musicale, legate a una esperienza artistica di composizione ed esecuzione per ricordare Daniele Lombardi. LA MUSICA DIPINTA propone, in forma di concerto, alcune delle “Notazioni di fatti sonori che l’esecutore ricrea nella propria immaginazione” del grande musicista fiorentino contemporaneo, che è stato capace di arricchire con immagini il pensiero musicale e viceversa.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »