energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La befana viola regala tre punti al Parma (1-0) Sport

Firenze – Una vera débacle la prima partita dell’anno della Fiorentina a Parma: sconfitta di misura per 1-0, con rete di Costa al 9′ del primo tempo, un rigore sbagliato da Mario Gomez al 33′ del primo tempo, due espulsi Gonzalo Rodriguez e Savic (33′ e 40’del secondo tempo) e soprattutto il solito grande impegno mai coronato dal successo. Così a Parma si è infranta la prima chance dei viola di rimanere agganciati al terzo posto e si è interrotta una serie positiva che vedeva la squadra assai più efficace in trasferta che in casa.

Tutto è partito da quel primo goal del Parma, quando su calcio d’angolo Costa ha approfittato di uno sbandamento della difesa per infilzare Tatarusano. Il classico colpo a freddo che è spesso stato fatale ai viola che hanno mostrato anche oggi la debolezza dell’attacco di fronte a difese rocciose che si chiudono a riccio. Il resto del primo tempo è stato solo un monologo della Fiorentina con occasioni di Mati Fernandez e Cuadrado, fino al rigore fischiato dall’arbitro per un fallo su Cuadrado. Gomez chiede di tirarlo, viene accontentato, ma tira debolmente e Mirante riesce a rinviare. Dunque è mancata l’ennesima occasione di rilancio del centravanti tedesco che rinvia di partita in partita il ritorno da campione. Il tempo si chiude con due gialli per Gonzalo e Savic che costeranno molto nella fase finale della partita.

La seconda frazione di gioco si apre con uno sforzo veemente della Fiorentina alla ricerca del pareggio. L’occasione migliore subito al 5′: azione in velocità, Joaquin rimette al centro, prima Gomez, poi Cuadrado e Mati Fernandez sulla linea di porta non agganciano il pallone. Entrano in successione Aquilani (13′ al posto di Kurtic), El Hamdaoui (al 20′ al posto di Alonso) e Pasqual (36′ Joaquin), ma il copione non cambia e la Fiorentina esce in nove meritatamente sconfitta al Tardini.

Nulla è ancora compromesso per il terzo posto, ma la partita ha messo in evidenza tutti i difetti della squadra e soprattutto la preoccupante sterilità dell’attacco.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »