energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Biblioteca d’autore Giorgio Spini ad Aulla, al via l’informatizzazione Breaking news, Cultura

Aulla – Saranno presto patrimonio degli studiosi di tutta Italia, e non solo, gli oltre 10 mila volumi della Biblioteca personale dello storico Giorgio Spini, conservati dalla Biblioteca Civica A. Salucci-G. Spini.

La Biblioteca personale del celebre storico, infatti, una ricchissima raccolta libraria di storia, arte, politica, economia e religione, fu donata al Comune di Aulla dagli eredi, Valdo, Daniele e Debora, nel 2012, a seguito dei drammatici eventi alluvionali e dei gravi danni subiti dalla Biblioteca comunale. Formalizzarono, in quell’occasione, la donazione della raccolta libraria del padre, “come segnale di sostegno all’azione di rinascita della città, allo scopo di tramandare ai giovani un
patrimonio importante di studi e ricerche […], concorrendo a mettere in moto un meccanismo di valorizzazione culturale del territorio, con evidenti ricadute sociali ed economiche a beneficio della Lunigiana tutta”.
L’annuncio è stato dato proprio dall’on. Valdo Spini in occasione della presentazione del suo volume “Sul colle più alto” presso la Biblioteca Civica Salucci, tenutasi il 26 novembre 2022 alla presenza degli studenti e dei cittadini.
L’onorevole Spini ha sottolineato come la “cultura sia un fattore decisivo nel rilancio della resilienza dei borghi storici e delle aree marginali della Regione. Ecco perché questa donazione della Biblioteca di Giorgio Spini si situa sulle linee guida della Legge sui Castelli della Lunigiana che ho portato avanti da giovane deputato”.
Presente anche il sindaco Roberto Valettini, che con entusiasmo ha colto il senso del progetto e, ringraziando il prof. Spini per il suo intervento prezioso, riferisce che “la catalogazione del fondo Spini sarà per la Biblioteca Civica e per tutta la Lunigiana un’opportunità e un arricchimento; la cultura – continua il Sindaco – ci salverà; la biblioteca personale dello storico Giorgio Spini racconta di un’anima curiosa e appassionata, e catalogarlo permetterà ad altre anime curiose ed appassionate di sviluppare il proprio profondo senso culturale”.

Proprio con il sostegno degli eredi, dell’Amministrazione comunale e della Regione Toscana, che ha inserito il fondo Spini nel recente Censimento delle Biblioteche d’autore, nato per valorizzare le biblioteche di persone che nella comunità hanno segnato la loro epoca e hanno accompagnato la loro attività intellettuale e il loro impegno civico con una raccolta libraria, Associazione Surus, attiva da anni nel territorio in ambito biblioteconomico, ha presentato nel marzo 2022 un progetto dedicato all’interno del Bando annuale Otto per mille Valdese, ottenendo il contributo per la realizzazione del primo lotto di lavori, da realizzarsi dal novembre 2022 al febbraio 2024.
Il progetto, attraverso la catalogazione dei volumi del Fondo Spini, conservati dalla Biblioteca Civica di Aulla, sul catalogo nazionale delle biblioteche italiane (SBN), sul polo BMC della rete provinciale delle Biblioteche di Massa-Carrara (ReProBi), e attraverso una serie di iniziative di promozione del fondo librario e della figura di Giorgio Spini, intende favorire l’accesso al patrimonio librario della biblioteca personale di Giorgio Spini e la conoscenza dello stesso, nonché
l’opportunità, per l’intero territorio provinciale e lunigianese, di incrementare l’offerta culturale per i cittadini e la comunità intera.

La raccolta libraria è composta di circa 6600 monografie italiane di storia, politica, economia, religione, arte, circa 1100 monografie straniere (inglese, francese, tedesco, spagnolo, polacco), circa 120 testate di periodici di rilevanza nazionale e internazionale di storia e politica nonché di ambito valdese (Bollettino della società di Studi Valdesi, Relazioni al Sinodo delle Chiese Valdesi e metodiste, et al), circa 120 unità di opere di consultazione quali dizionari ed enciclopedie.
Un patrimonio che oltre ad essere specialistico e, in parte, assente dalle altre Biblioteche della Provincia di Massa-Carrara, se non anche da quelle delle province confinanti, è testimone della vita e dell’esperienza culturale del donatore, lo storico e grandissimo uomo di cultura Giorgio Spini.
Sono in programma inoltre, in collaborazione con il Gruppo di lavoro istituito dal Comune di Aulla, e con altri eventuali partner culturali, iniziative di promozione e valorizzazione del fondo, che evidenzino i contenuti e il valore del fondo e l’avanzamento dei lavori del progetto, e testimonino e ricordino la figura dello storico Giorgio Spini.
L’auspicio è che, anche grazie a questo progetto, la Biblioteca Civica, con le sue altre raccolte, i suoi luminosi spazi studio, e il fondo Giorgio Spini, in particolare, al quale la Biblioteca ha dedicato un’intera sala consultazione, possano diventare un fondamentale punto di aggregazione per la comunità, nonché luogo di studio e consultazione, prestito e prestito interbibliotecario, per la popolazione lunigianese di ogni età e classe sociale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »