energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bibliotecari, “Siano tutelati come i facchini” Società

Doppio binario per le gare d'appalto del Comune di Firenze, almeno per quanto riguarda i servizi? Risposta affermativa, per Filcams-Cgil, che chiede “ per i lavoratori delle biblioteche le stesse tutele previste per i lavoratori delle pulizie, del portierato e del facchinaggio”

“Nel corso della riunione di giovedì scorso delle Commissioni Lavoro e Cultura del Consiglio Comunale abbiamo definitivamente appreso il rifiuto dell’Amministrazione, espresso dall’Assessore Givone, ad inserire nel bando di gara delle biblioteche le clausole di salvaguardia per gli oltre 70 addetti che ci lavorano a garanzia della continuità occupazionale, della professionalità e quindi della qualità dei servizi per i cittadini – ricorda il sindacato – come già evidenziato nella suddetta riunione, constatiamo tuttavia che  nell’attuale capitolato di gara per i servizi di pulizia, portierato e facchinaggio della stessa Amministrazione pubblicato il 20 dicembre scorso é contenuta non solo l’indicazione dei contratti nazionali di riferimento ma anche la clausola sociale”.

Dunque, quale sarebbe il motivo per cui ciò che è concesso a una categoria è rifiutato ad un'altra? Dato che il sindacato ritiene “evidente che le motivazioni giuridiche che sono servite per giustificare questo rifiuto rispondono a valutazioni e scelte di carattere politico”, si rivolge direttamente al sindaco Renzi e alla giunta comunale: “Chiediamo pertanto al sindaco e alla giunta comunale di garantire per i lavoratori delle biblioteche le stesse tutele previste per i lavoratori delle pulizie, del portierato e del facchinaggio. Non è accettabile infatti che per appalti simili ci possano essere trattamenti del tutto opposti e per di più giustificati in punta di un diritto che evidentemente non è scienza assoluta ma consente molteplici interpretazioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »