energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bilancio 2020, raddoppio degli investimenti, bonus bebè Breaking news, Cronaca

Firenze – Tasse ferme, 707 milioni di investimenti (oltre il doppio della somma dell’anno scorso), unica imposta che si alza è quella della Tari, l’imposta dei rifiuti, con un aumento che si aggira fra il 5 e il 6%, il che significa, spiega l’assessore al bilancio Federico Gianassi che, per una famiglia di tre persone che abita in un appartamento di 80 metri, si passa da circa 190 euro a circa 200. Solo un esempio, naturalmente, dal momento che la valutazione si basa sulle singole situazioni. Anche il bonus bebè, lo stanziamento di un milione e 500mila euro in tre anni  con cui l’amministrazione, come spiega Nardella, cerca di dare una mano alle madri fiorentine a fronte del disastroso calo demografico cui assiste la città, verrà attribuito in base alle specificità dei singoli casi.

Insomma, tirando le fila, gli sgravi fiscali già adottati e già previsti sono stati mantenuti, come il record nazionale dell’Irpef più bassa d’Italia,  a fronte di un imponente piano di investimenti e maggiori risorse destinate ai servizi e ai bonus. La delibera del bilancio di previsione 2020/2022 presentata ieri alla giunta dall’assessore Federico Gianassi e dalla stessa approvata, è stata presentata oggi dal sindaco Dario Nardella con Gianassi, ed è  pronta per passare al vaglio del Consiglio comunale.

Fra i dati salienti del bilancio, sono molto alti i livelli di investimento, 707 milioni di euro, di cui oltre 550 milioni vanno nella continuazione della realizzazione delle tramvie, mentre il resto verrà distribuito fra edilizia scolastica, impianti sportivi e viabilità.  Un record particolarmente significativo, come sottolinea il sindaco, Dario Nardella, riguarda la lotta all’evasione fiscale: “Per la prima volta nella storia del bilancio di Firenze arriviamo a sfondare il muro dei 25 milioni di euro di recupero: questo ci consente di sostenere la spesa corrente – ha detto il sindaco – che è fondamentale per i servizi di spesa per i cittadini. Introduciamo anche la novità del bonus bebè, un milione e mezzo di euro in tre anni, per la nostra attenzione particolare alla famiglia e al sociale”. Basti pensare che nel 2016 il recupero sull’evasione era stata di 9,2 milioni, segnando così una crescita esponenziale da cinque anni a  questa parte.

Parlando di record, o perlomeno di punti salienti e caratterizzanti questo bilancio 2020, si confermano invariate le aliquote dell’addizionale Irpef, ferme dal 2012 allo 0% sotto i 25mila euro di reddito e allo 0,2% sopra i 25mila euro di reddito e che rimangono fra le più basse d’Italia. Si ricordi che, se fosse applicata l’aliquota media nazionale il gettito sarebbe di 41 milioni di euro in più, che invece, dice il sindaco, non vengono chiesti ai fiorentini. Senza nessun aumento, per l’ottavo anno consecutivo, anche le altre tariffe come mense e asili nido; invariati anche i servizi sportivi e i musei civici. Resta confermata la gratuità delle scuole dell’infanzia e invariate tutte le aliquote Imu, ferme dal 2012, con il mantenimento di tutte le agevolazioni già previste comprese quelle aggiunte nel 2019 per gli immobili locati a canone concordato (15 forme di aliquota agevolata a fronte di un’aliquota ordinaria dell’1,06%). La Cosap non solo resta invariata dal 2013 ma continua a mantenere tutte le agevolazioni previste, fra cui quella per le edicole che beneficeranno anche nel 2020 del 70% di riduzione rispetto al canone 2017.

Ed ecco che s’arriva alla Tari. L’imposta per le famiglie fiorentine rimane, anche nel 2020, fra le più basse d’Italia, pur prevedendo un lieve aumento per finanziare l’incremento del servizio di pulizia stradale e di sfalcio dell’erba (che sarà triplicato), al fine di aumentare la sicurezza dei cittadini. Confermati gli sgravi Tari per gli esercizi commerciali lungo i cantieri pubblici che durino più di sei mesi (l’amministrazione è al lavoro per applicarli all’Isolotto, alle Cure e in piazza Annigoni).

Fra le conferme, anche i contributi in conto affitto, per cui lo stanziamento previsto è di euro 2,3 ml nel 2020 ( 4,6 ml nei tre anni). Particolare attenzione verrà data all’attività di controllo  per i bus turistici che non pagano ma entrano e consumano la città ( introiti ztl previsti in 18,4 milioni, in incremento rispetto al 2019). Inoltre è stato previsto l’aumento delle porte telematiche a tutela delle corsie preferenziali, con le sanzioni al codice della strada previste per 68,5 milioni.

Fra gli introiti, l’imposta di soggiorno, incrementata grazie agli accordi di ‘collect and remit’ firmati negli anni passati dal Comune di Firenze con alcuni portali che gestiscono la locazione turistica, avrà gli incrementi delle tariffe che partono il primo gennaio 2020, a totale carico dei turisti, con un incasso stimato per il 2020, in 48,8 milioni di euro: gli incassi di questa imposta, sono affiancati anche da una forte lotta all’evasione su cui anche nel 2020 sarà massimo l’impegno, e saranno veicolati tutti ad aumentare la qualità dei servizi.

Per quanto riguarda il capitolo dedicato agli investimenti, 857 milioni di euro previsti nel triennio 2020-2022, di cui 557 milioni per le nuove linee tramviarie. Sono 36 i milioni di euro destinati a scuola e istruzione, 100 milioni per valorizzazione beni culturali, 26 milioni per viabilità e infrastrutture stradali,  oltre 28 milioni per impianti sportivi, 21 milioni per il verde pubblico, parchi e giardini, 20 milioni per l’edilizia residenziale pubblica, e circa 10 milioni per il sociale. Fra i 36 milioni destinati alle scuole c’è un milione e mezzo per il nuovo nido infanzia Cascine, un milione e 750 per il nido Arcovata, 8 milioni per la scuola Don Milani e 7 milioni per il completamento del biennio Isis. Investimenti importanti anche sugli impianti sportivi: nei 28 milioni di euro destinati a questo settore c’è infatti il Palazzetto sportivo di  San Bartolo a Cintoia (oltre 9 milioni di euro), la Palestra Via Gemignani (3 milioni di euro), gli  impianti sportivi in riva sinistra dell’Arno (1,7 milioni di euro) e la Palestra di Via André del Sarto (1,4 milioni). Oltre 4 milioni sono destinati alle piste ciclabili, 46 milioni a strade, marciapiedi e parcheggi, 559 milioni alla tramvia. Stanziate anche le somme per la riqualificazione della Fortezza Da Basso, per la  riqualificazione del complesso San Firenze e del complesso Santa Maria Novella.

Per quanto riguarda il capitolo dell’indebitamento, per continuare ad assicurare la realizzazione di nuovi investimenti, l’amministrazione  prevede di contrarre nuovi mutui nel 2020 per 50 milioni di euro, portando il debito complessivo dell’ente al 31.12.2020 a 474 milioni, ben al di sotto dei limiti di legge sul livello di indebitamento,  che scenderà a 472 milioni  nel 2022.  L’indebitamento a fine triennio si attesta a valori inferiori al 2008 ed è ogni anno inferiore rispetto a  quanto si prevede di restituire in modo da garantire calmierata tale voce a fronte comunque di importanti investimenti da realizzare.

edf

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »