energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Blitz antidroga della polizia fiorentina: in manette due giovani di 23 e 25 anni Notizie dalla toscana

I carabinieri di Badia a Settimo (Firenze) hanno arrestato mercoledì 2 novembre un settantenne per detenzione illegale di armi e munizioni, alterazione di armi ed evasione dal luogo di detenzione domiciliare. L’uomo, condannato agli arresti domiciliari, è stato trovato dagli agenti fuori dalla sua abitazione in orario non consentito. Riaccompagnatolo a casa, gli agenti hanno proceduto ad una perquisizione dell’abitazione, rinvenendo un fucile ad aria compressa modificato e delle cartucce. L’uomo si sarebbe giustificato con i carabinieri dicendo di detenere l’arma modificata per andare a caccia di piccoli uccelli. Sempre nella giornata di mercoledì 2 novembre, a Firenze sono stati arrestati un ventitreenne spacciatore sardo ed un venticinquenne pusher toscano. Il venticinquenne è stato fermato dalla polizia mentre si allontanava da un gruppo di tre giovani, ai quali aveva venduto hashish ed anfetamine. Gli agenti, dopo aver bloccato i tre acquirenti, hanno seguito lo spacciatore fino alla sua abitazione, dove hanno colto in fallo il venticinquenne ed il ventitreenne cagliaritano. I due venditori di droga, denunciati per spaccio di sostanze stupefacenti, detenevano in casa quasi 300 grammi di droga fra hashish ed altre sostanze allucinogene. Ed a Empoli, invece, il mercoledì della polizia è stato caratterizzato dall’arresto di un giovane romeno che, con una carta di credito clonata, aveva tentato di acquistare due computer portatili del valore di 279 euro ciascuno. Dopo aver acquistato il primo pc, constatato che la truffa era andata a buon fine, il giovane aveva immediatamente chiesto al cassiere del negozio di elettronica di acquistare un secondo computer identico. Il commesso, indispettito dall’atteggiamento del romeno, aveva controllato i documenti e verificato la discrepanza fra i dati del giovane e quelli della carta di credito, quindi aveva avvisato la polizia, che aveva proceduto a fermare il giovane.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »