energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bobbio: “è la ricerca il futuro delle nostre imprese” Notizie dalla toscana

Firenze – Nella giornata di oggi, giovedì 9 ottobre, l’assessore regionale alla Scuola, la Formazione, l’Università e la Ricerca, Emmanuele Bobbio, è intervenuto alla prima delle due giornate dell’ICT Proposer’s Day che si tengono alla Fortezza da Basso di Firenze.

“Creare collaborazioni tra soggetti pubblici e privati nel campo della ricerca e delle imprese – ha spiegato Bobbio – per mettere in sinergia risorse e competenze, aumentando l’effetto catalizzatore dei fondi pubblici. Questa è la strategia di Horizon 2020, messa in atto anche dalla Regione Toscana che punta a concentrare le risorse negli ambiti di ricerca più promettenti per creare sviluppo e occupazione di qualità in futuro, a partire dalla Ict, la tecnologia per l’informazione e la comunicazione”. “Un evento di grande importanza che ha scelto la Toscana e Firenze per la sua terza edizione”, ha proseguito l’assessore regionale “Non solo saranno presentate 40 ‘call’, cioè bandi europei, per un totale di oltre un miliardo di euro nel triennio 2015-18 – ha spiegato – ma vengono offerte preziose possibilità concrete di confronto e di raccordo tra i soggetti della ricerca in ambito internazionale per porre le basi di partenariati indispensabili per partecipare ai bandi, oltre a ottenere informazioni specifiche dagli 80 funzionari europei presenti in Fortezza”. “E’ la ricerca – ha concluso Bobbio – il futuro delle nostre imprese e università. E da qui possono venire nuove opportunità occupazionali e di sviluppo legato al territorio con ricadute importanti sul tessuto economico toscano”.

La due giorni Ict Proposer’s Day è un’iniziativa della Commissione europea con il supporto di Regione Toscana, Miur, Università di Firenze e Comune. La Regione Toscana ha destinato circa 100 milioni di euro ai bandi di ricerca (fotonica, robotica, sensoristica, energia, scienze della vita, beni culturali, green economy, smart cities). Il progetto “Open Toscana” permetterà, inoltre, una maggior partecipazione degli utenti alle possibilità offerte dai finanziamenti previsti dai bandi Por 2014-2020.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »