energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

I pagliacci ritinti di Borgo Santi Apostoli Rubriche

In “Canti Orfici” di Dino Campana, ecco all'improvviso la visione di “un vico centrale” fiorentino che secondo lo psichiatra Carlo Pariani, che aveva intervistato il poeta, dovrebbe essere Borgo Santi Apostoli. «Nel vico centrale osterie malfamate, botteghe di rigattieri, bislacchi ottoni disparati. Un'oste­ria sempre deserta di giorno mostra la sera die­tro la vetrata un affaccendarsi di figure losche. Grida e richiami beffardi e brutali si spandono pel vico quando qualche avventore entra. In faccia nel vico breve e stretto c'è una finestra, unica, ad inferriata, nella parete rossa corrosa di un vecchio palazzo, dove dietro le sbarre si vedono affacciati dei visi ebeti di prostitute di­sfatte a cui il belletto da un aspetto tragico di pagliacci.
Quel passaggio deserto, fetido di un orinatoio, della muffa dei muri corrosi, ha per sola prospettiva in fondo l'osteria. I pagliacci ritinti sembrano seguire curiosamente la vita che si svolge dietro l'invetriata, tra il fumo delle pastasciutte acide, le risa dei mantenuti dalle femmine e i silenzii improvvisi che provoca la squadra mobile: Tre minorenni dondola­no monotonamente le loro grazie precoci. Tre tedeschi irsuti sparuti e scalcagnati seggono compostamente attorno ad un litro. Uno di loro dalla faccia di Cristo è rivestito da una tunica da prete  (!) che tiene raccolta sulle ginocchia. Fumo acre delle pastasciutte: tinnire di piatti e di bicchieri: risa dei maschi dalle dita piene di anelli che si lasciano accarezzare dalle femmine, ora che hanno mangiato. Passano le serve nel­l'aria acre di fumo gettando un richiamo musicale: Pastee. 
In un quadro a bianco e nero una ragazza bruna con una chitarra mostra i denti e il bianco degli occhi appesa in alto. ‑ Serenata sui Lungarni. M'investe un soffio stanco dalle colline fiorentine: porta un profumo di corolle smorte, misto a un odor di lacche e di vernici di pitture antiche, percettibile appena (Meresko­swki).»

Da: Dino Campana, “Canti Orfici”, 1914

Immagine http://it.wikipedia.org/wiki/Dino_Campana

Print Friendly, PDF & Email

Translate »