energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Boxe a Signa: successo tecnico e di pubblico Sport

Firenze – Pieno successo della riunione a Signa – stadio del Bisenzio – imperniata sui matches professionisti di Giacomo Mazzoni e di Dragan Lepei opposti a validi avversari. Successo tecnico e di pubblico visto che sono stati oltre 500 gli spettatori il cui giudizio è stato “abbiamo assistito ad un pugilato dei tempi migliori”.

In tribuna tante personalità del mondo sportivo e politico tra cui Marinella Fossi, assessore allo sport del Comune di Signa; Paolo Bambagioni, consigliere regionale ed ex sindaco di Signa; i familiari dell’indimenticabile pugile Vincenzo Burgio alla cui memoria è stata dedicata questa riunione; l’ex Silvano Bertini campione europeo ed il plurimedagliato ed atleta di punta della boxe azzurra Fabio Turchi di Firenze. E Cristiano Mazzoni, esponente della Sempre Avanti Firenze e regista di questa bella serata.

Giacomo Mazzoni, idolo di casa, non deludeva le aspettative e centrava così il decimo successo (nel suo record anche 3 sconfitte ed un pari). Per lui una vittoria meritata ed un altro passo avanti verso il match per il titolo italiano.

Certo non è stato facile mettere sotto il laziale di Ceccano Eros Marongiu che si era presentato con all’attivo quattro vittorie, un pari ed una sola sconfitta. Il pugile lastrigiano partiva all’attacco e la sua maggior tecnica e vivacità gli consentivano di aggiudicarsi le prime tre riprese contro un Marongiu efficace, ma discontinuo.

Anzi nelle battute conclusive del terzo round Mazzoni metteva a segno un preciso e duro sinistro al fegato dell’avversario che accusava il colpo e il gong lo salvava da possibili crolli.

La quarta ripresa registrava, invece, un preciso ritorno di Marongiu che piazzava destri e sinistri precisi anche se Mazzoni riusciva in parte a neutralizzarli. Ma quel round andava al laziale.

Nella altre due riprese il lastrigiano riprendeva in mano il match, riproponeva il suo stile molto efficace boxando da lontano e Marongiu era costretto sulla difensiva. Un finale in crescendo per Mazzoni che si aggiudicava così con pieno merito il verdetto contro un Marongiu avversario molto combattivo.

L’altro incontro professionisti pesi supermedi invece si chiudeva in parità fra due pugili ancora imbattuti. Dragon Lepei, di origine rumena, ma da anni in Italia (vive a Ginestra Fiorentina) è salito sul ring dopo aver disputato e vinto tre matches; mentre il suo avversario il romano Diego Velardo con sette combattimenti, sette successi. Ed avendo pareggiato vuol dire sono ancora imbattuti.

E’ stato uno scontro durissimo che ha ricordato la boxe dei tempi andati. Sei riprese di grande ed alto agonismo. Velardo attaccava in partenza cercando di imporre la sua boxe portando colpi precisi ed efficaci. Lepei però reagiva mettendo a sua volta a segno alcuni destri e sinistri abbastanza concreti. Ed il romano faceva fatica a contenere la reazione dell’avversario che si aggiudicava i primi due tempi.

Dalla terza ripresa Lepei accusava un calo fisico e Velardo ne approfittava per recuperare lo svantaggio anche se Lepei con astuzia ed esperienza conteneva la folate avversarie. Stessa fisionomia nella quarta ripresa. Nei due ultimi rounds ritmo infernale, durissimi scambi di colpi, ma nelle battute conclusive Lepei ritrovava forze e precisione nel portare i colpi riuscendo così meritatamente a pareggiare.

Hanno completato la riuscita serata cinque combattimenti dilettanti ai vertici dei quali questi tre matches peso medi, categoria èlite.

Tommaso Serci (Boxing Club Firenze) regolava ai punti il coriaceo e generoso Alessio Poggetti (Spes Fortitudo Livorno); il combattivo ed in gran forma Sead Mustafà (Boxe Robur Scandicci) aveva la meglio, con voto unanime dei giudici, sul pur valido Niccolò Scaringella (Boxe Liberati Fight), avversario in passato sempre molto ostico per i pugili toscani. Tra l’altro Scaringella subiva anche due richiami dell’arbitro.

Mentre Eduardo Sforzi (Centro Sport Combattimento Firenze) e Marco Fusai (Pugilistica Pratese) chiudevano in parità a conclusione di un match senza grande incisività.

Gli altri due incontri dilettanti. Pesi mosca categoria juniores. Gianluca Cimmino (Fight Gym Grosseto) più veloce, più preciso batteva Simone Rao (Boxing Club

Firenze); leggeri Riccardo Cimmino (Figth Gym Grosseto) si aggiudicava il verdetto contro il giovanissimo Federico Nigi (Boxe Pontorme Empoli) ai punti.

Bel match tra i welter Alexandru Ciupitu (Boxe Mugello) che prevaleva grazie ad una boxe più efficace e Niccolò Pittalis (Boxing Club Firenze) ai punti.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »