energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Brexit, quanto ci costa Breaking news, Economia

Firenze – L’ipotesi peggiore? Che la Gran Bretagna esca dall’Unione europea senza un accordo. Il perché lo spiega Coldiretti, che prende ad esempio uno fra i casi che potrebbero darsi per l’esportazione agroalimentare italiana, vale a dire quella del parmigiano e grana grattugiati. Infatti, dazi di 24,9 euro al quintale sono pronti a scattare il 29 marzo per le importazioni di tutti i tipi di formaggi grattugiati, il che significa nello specifico del caso italiano, appunto le esportazioni di grana Padano e Parmigiano Reggiano in busta e barattolo. Documenta il dato la Coldiretti, che fa riferimento alla pubblicazione da parte del governo britannico del nuovo regime tariffario all’importazione in caso di mancato accordo entro il 29 marzo.

Se non si raggiunge prima l’intesa con l’Unione Europea, scatta dunque una misura che – sottolinea la Coldiretti – rischia di frenare un segmento particolarmente dinamico delle esportazioni di Grana Padano e Parmigiano Reggiano in Gran Bretagna dove le spedizioni hanno raggiunto il valore di 85 milioni di euro nel 2018″.

Insomma, dal momento che Londra intende garantire tutele particolari in caso di Brexit non solo al segmento auto, ma anche a quello dei prodotti agricoli, per l’Italia inizierebbe un periodo assai negativo per l’export in UK. Fra i prodotti “colpiti”, precisano dalla Coldiretti,  carne di manzo, agnello, maiale, pollame e lattiero caseari, al fine di sostenere allevatori e agricoltori locali.

Alla fine, qualcuno che beneficia di questa maglia protettiva che durerebbe almeno 12 mesi, c’è. E sono, spiegano dalla Coldiretti, “solo i Paesi non membri dell’Ue la cui quota di esportazioni verso il Regno Unito non soggetta a tariffe aumenterebbe infatti dall’attuale 56 al 92% mentre per i beni in arrivo dall’Unione Europea, che attualmente sono tutti esenti da dazi, con il nuovo regime entrerebbero liberamente in Gran Bretagna solo nell’82% dei prodotti. Senza accordo – continua la Coldiretti – un problema riguarda anche la tutela giuridica dei marchi con le esportazioni italiane di prodotti a indicazioni geografica e di qualità (Dop/Igp) come in Grana ed il Parmigiano Reggiano che incidono per circa il 30 per cento sul totale dell’export agroalimentare Made in Italy e che senza protezione europea rischiano di subire la concorrenza sleale dei prodotti di imitazione da paesi extracomunitari”.

E quanto sia grossa la torta lo dicono i numeri: i prodotti del Made in Italy agroalimentare esportati hanno raggiunto il record storico di 3,4 miliardi di euro nel 2018, con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente. “Dopo il vino che complessivamente fattura sul mercato inglese quasi 827 milioni di euro, spinto dal boom del Prosecco Dop con 348 milioni di euro, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna c’è – conclude la Coldiretti – l’ortofrutta fresca e trasformata come i derivati del pomodoro con 234 milioni, ma rilevante è anche il ruolo della pasta, dei formaggi e dell’olio d’oliva”.

“La mancanza di un accordo è lo scenario peggiore perché rischia di rallentare il flusso dell’export, ma a preoccupare è anche il rischio che con l’uscita dall’Unione Europea si affermi in Gran Bretagna una legislazione sfavorevole alle esportazioni agroalimentari italiane” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »