energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Buccoliero in finale ai mondiali di paracanoa Sport

Pier Alberto Buccoliero, l’atleta diversamente abile in forza alla Comunali Firenze, ha guadagnato l’accesso alla finale dei Mondiali di Paracanoa in corso di svolgimento a Duisburg in Germania, nel bacino che è vera e propria culla dell’attività del remo. L’atleta biancorosso gareggia nel k1 (sulla distanza dei 200 metri, distanza olimpica, categoria TA). Oggi nella prima delle due batterie di qualificazione è stato secondo col tempo di 47”259 alle spalle dell’austriaco Swoboda, che con 41”958 sembra imprendibile. Nell’altra semifinale ha vinto il russo Potanin in 44”362 davanti all’ungherese Bencze con 47”166. Tutti gli altri sono stati più lenti di Buccoliero. Insomma col quarto tempo complessivo il podio non è lontanissimo, anche se ci sarà comunque anche da guardarsi alle spalle. La finale è in programma domani, giovedì, alle 14.15.

“La gara – ha detto l’atleta a fine prova – è stata molto tirata, emozionante, ma l’ho gestita bene. In partenza e all’arrivo devo affinare ancora bene la tecnica, ma il passo gara è stato molto buono. Il quarto tempo assoluto mi soddisfa e mi motiva per la finale dove vedremo il da farsi”.
Buccoliero aveva fatto il suo debutto in campo internazionale nel Campionato europeo di canoa sprint in Portogallo a Montemor-O-Velho prima dell’estate, chiudendo al quarto posto al suo debutto internazionale. Poi aveva partecipato a luglio a San Giorgio di Nogaro alla selezione per i Mondiali. E’seguito come allenatore da Massimo Chiti, con la collaborazione per le gare di velocità di Marco Guazzini. La sua attività sportiva rientra nell’ambito di un progetto seguito da vicino dal gruppo sportivo dell’Unità Spinale dell’Azienda Ospedaliera di Careggi a Firenze coordinato da Piero Amati. Le sue gambe sono rimaste danneggiate a seguito di un incidente sul luogo di lavoro e da quando lo scorso anno ha intrapreso la disciplina della canoa ha già vinto sei titoli italiani in sei specialità diverse.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »