energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Buche nelle strade, arriva la sigillatrice di crepe Notizie dalla toscana

Capannori – Prevenire la formazione di buche nelle strade a causa delle forti piogge, del ghiaccio e della neve. L’amministrazione comunale di Capannori ha dato il via alla sperimentazione di una sigillatrice delle crepe stradali. Si tratta di un macchinario molto utilizzato nei Paesi del nord Europa, che in Toscana viene utilizzato per la prima volta a Capannori in collaborazione con una ditta del territorio.

La sigillatrice è stata impiegata in via dell’Ave Maria a Lammari in un tratto stradale in buono stato ma che presentava delle fessure superficiali che sono state chiuse con uno speciale materiale a base di bitume. Se la sperimentazione darà i risultati aspettati, l’amministrazione comunale darà il via entro la stagione più rigida a un piano speciale “sigilla crepe” che riguarderà le tre zone del territorio – nord, centro e sud.

“La prevenzione e il mantenimento delle qualità dell’asfalto sono aspetti chiave della sicurezza stradale – commentano il sindaco, Luca Menesini, e l’assessore ai lavori pubblici, Pier Angelo Bandoni -. Per questo abbiamo avviato la sperimentazione di questa macchina di nuova generazione che, visti i risultati positivi in altre realtà, vorremmo utilizzare in maniera continuativa anche nel nostro territorio. L’acqua a la neve, infatti, sono fra le principali cause del deterioramento del manto stradale”.

Le crepe superficiali permettono l’infiltrazione dell’acqua negli strati più profondi della carreggiata, creando criticità quali buche, rotture più estese e un generale deterioramento dell’asfalto. Intervenendo con la sigillatrice si riesce a creare una barriera protettiva che impedisce a questo tipo di fenomeni atmosferici di causare danni.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »