energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Bundu in Galles, sfida decisiva per la carriera Sport

Firenze – Leonard Bundu è già in Inghilterra. E’ iniziato così il conto alla rovescia all’appuntamento più importante della sua fulgida carriera di pugile. Venerdi prossimo 1 agosto a Wolverhampton, città gallese di 250 mila abitanti, metterà in palio il suo titolo di campione europeo dei pesi welter contro lo sfidante ufficiale l’inglese Frankie Raymond Gavin.

Sarà un match che segnerà una tappa definiva per il futuro di Bundu nel mondo della boxe. Vincere vorrà dire aspirare ad una sfida mondiale – ultima occasione in quanto a novembre compirà 40 anni – una sconfitta invece potrebbe suggerirgli la decisione di attaccare i guantoni al tradizionale chiodo considerata anche l’età. Se invece decidesse di continuare a combattere dovrebbe accettare di svolgere un‘attività a livelli molto più bassi di quelli attuali.

Bundu è partito questo pomeriggio martedi dall’aeroporto di Peretola accompagnato dal suo allenatore Alessandro Boncinelli che a Wolverhampton lo seguirà dall’angolo del ring come sempre, dalla moglie Giuliana ed i due bambini Andrè e Frida.

Venerdì mattina sempre da Peretola voleranno in Inghilterra i vertici dell’Accademia Pugilistica Fiorentina, nella cui palestra Bundu è cresciuto, tra i quali Ezio e Francesco Sottili, più un gruppetto di amici del pugile per assistere al match. Per gli appassionati fiorentini e delle altre città che resteranno a casa invece potranno seguire l’incontro in diretta sintonizzandosi sul canale 543 di Sky intorno alle 22,40.

“Sappiamo che il match è molto difficile – confida Boncinelli in attesa di imbarcarsi a Peretola – ma Bundu ha i numeri per vincere. E’ vero Gavin è un bravissimo pugile. Non a caso ha disputato e vinto 19 combattimenti di cui 12 prima del limite. L’ho visto in un filmato è un mancino dal pugno pesante. Insomma un avversario molto pericoloso”.

-Allora?

“Allora è anche vero che Bundu ha disputato e vinto 30 incontri. E che ha difeso, vincendo sempre prima del limite, cinque volte il suo titolo europeo. Sono fiducioso anche perchè Leo non ha mai tradito le aspettative nei grandi appuntamenti”.

Nei giorni scorsi era sorta qualche preoccupazione……

“Si. Bundu accusava una tendinite ad un braccio. Ma il guaio è stato positivamente risolto. Quindi affronterà questo difficile match nelle migliori condizioni fisiche e di concentrazione. Nessun problema per i limiti di peso, nessuna sorpresa di dovere affrontare un mancino perché in queste ultime settimane si è allenato proprio contro pugili che combattono in quella stessa guardia”.

-Insomma……..

“Insomma siamo consapevoli che Bundu corre dei rischi perché l’avversario è di valore. Ma sono tranquillo perché Leonard sta bene e sul piano tecnico e su quello della velocità nel portare i colpi vale più del suo avversario. Gavin è pugile di casa, quindi avrà il sostegno del pubblico circostanza però che non condiziona Bundu abituato a combattere ed a vincere anche in trasferta. Qualche mese fa proprio in Inghilterra ha messo k.o. il temibile Lee Purdy per il quale tutti i presenti si spellavano le mani”.

-Se vince………

“Si aprono le strade per arrivare ad una semifinale mondiale. Fra una ventina di giorni in California c’è l’incontro tra Dell Brook e Shane Porter per il titolo Ibf. Il prossimo sfidante alla corona mondiale dovrebbe essere il vincitore dell’incontro di Dan Ion con il pugile che si aggiudicherà il match tra Gavin e Bundu”.

Per la cronaca ricordiamo che Bundu ha difeso e vinto, sempre prima del limite, il titolo di campione europeo dei welter contro Antonio Moscatiello, Stefano Castellucci, il francese Ismael Massaud, il polacco Rafael Jackiewcz, il 24enne inglese Lee Purdy.

 

————

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »