energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’Italia torna grande, prestazione super contro la Spagna Sport

L'Italia tiene testa alla favoritissima Spagna e dimostra di essere all'altezza degli iberici. Risulato finale di 1-1 giusto. Dopo un primo tempo equilibrato, con un paio di occasioni per parte, la partita si accende nella ripresa. Inizio furioso della Spagna, ma è l'Italia a passare in vantaggio con il neo entrato Di Natale (nella foto). Il pari arriva però quasi con Fabregas. La gara nel finale è entusiasmante, le squadre si allungano e lo spettacolo aumenta. Torres fallisce due buone occasioni, mentre per l'Italia è ancora Di Natale a sfiorare il gol. Il punteggio non cambia più, al fischio finale finisce 1-1.
Un risultato importante ottenuto dalla squadra di mister Prandelli, nonostante i tanti problemi delle scorse settimine. Come i fatti extra-calcistici, gli infortuni e i cambi modulo. Il Ct ottiene invece tante buone risposte. La difesa a tre, con un De Rossi straordinario, può funzionare, per essere la prima volta che viene provata in partita. Cassano ha mostrato di poter fare la differenza ogni volta che tocca palla. Ma soprattutto il gruppo intero ha dato a tutti la dimostrazione di poter lottare con le grandi e ritagliarsi un ruolo importante in questi Europei.

Primo tempo. Tutto come previsto nell'undici di Prandelli, cambio tattico a sorpresa invece per Del Bosque. Dentro Fabregas come vertice offensivo al posto di una prima punta di ruolo stile Torres o Negredo. Partita bloccata nelle prime battute di gioco. L'Italia dimostra buona personalità e gioca alla pari. La Spagna cerca come al solito il possesso palla, e crea due buone occasioni con Silva.
L'Italia cresce con il passare dei minuti e al 12' trova un buon calcio di punizione con Cassano. Batte Pirlo, ma per Casillas non è un problema respingere la conclusione. De Rossi chiude tutti gli spazi e per la Spagna non è facile trovare gli inserimenti giusti. Al 22' ancora Italia pericolosa. Cassano viene liberato in area, cerca il palo lontano ma la palla esce di poco alla destra del portiere. Gli iberici tornano a farsi vedere intorno alla mezz'ora con Iniesta, Buffon si allunga e sventa la minaccia. Poco dopo è la volta di Fabregas, ma il portiere della Juventus esce con i tempi giusti e allontana il pericolo.
Il finale di frazione è tutto di marca azzurra. Prima Cassano e poi Thiago Motta su assist dello stesso fantasista del Milan impegano Casillas che salva il risultato.

Secondo tempo. La ripresa si apre subito nel segno della squadra di Del Bosque. Iniesta e Silva premono sull'accelleratore e arrivano subito un paio di palle gol, ma Buffon mantiene ancora la porta inviolata. La Spagna domina il gioco, ma al 9' arriva una clamorosa occasione per l'Italia. Balotelli recupera palla e entra solo in area, l'attaccante però aspetta troppo prima di calciare dando così il tempo a Sergio Ramos di recuperare.
Occasione clamorosa fallita dalla punta del City che pochi minuti dopo lascia il campo per Totò Di Natale. Al bomber dell'Udinese non manca certo concretezza, e dopo appena 5' dal suo ingresso sblocca la partita. Pirlo salta un uomo, e serve in profondità Di Natale che batte Casillas in uscita. Apoteosi azzurra, la Spagna campione del mondo e d'Europa è sotto 1 a 0.
Tutto davvero troppo bello, ma purtroppo contro i campionissimi basta una leggerezza per essere puniti. La difesa dell'Italia si fa trovare impreparata sulla veriticalizzazione di Silva che libera in area Fabregas, bravo a battere Buffon in uscita. Dopo appena 4' il punteggio è 1-1.
Il pareggio accende la partita, che diventa anche nervosa. L'agonismo è alto e si lotta senza tregua su tutti i palloni. Arrivano altri cambi, e proprio come accaduto con Di Natale, sono i neo entrati a creare le occasioni migliori. Alla mezz'ora infatti ci prova  Fernando Torres, subentrato a Fabregas. La punta del Chelsea viene liberato solo contro Buffon, ma il portiere esce con grande tempisco e chiude con i piedi al limite d'area. Pochi minuti più tardi è invece il momento di Giovinco, entrato al posto di Cassano. La formica atomica libera Di Natale che non trova la coordinazione giusta per centrare lo specchio della porta.
Nel finale di partita arrivano altre due palle gol, una per parte. La più clamorosa capita ancora sui piedi di Torres. El Nino inventa un grande pallonetto, fortuna dell'Italia che la mira non è delle migliori. Per l'Italia invece Marchisio, ma il centrocampista bianconero calcia troppo centrale dopo un buono scambio con Motta. E' l'ultima emozione prima del fischio finale.
Tommaso Trogu

Foto: sport.sKy. it
Spagna 1
Italia 1
Spagna (4-3-3): Casillas; Arbeloa, Piqué, S. Ramos, Alba; Xavi, Busquets, X. Alonso; Silva (20' st Jesus Navas), Fabregas (29' st Torres), Iniesta. A disp. Valdes, Reina, Raul Albiol, Javi Martinez, Juanfran, Cazorla, Pedro, Negredo, Mata, Llorente. Allenatore: Vicente Del Bosque
Italia (3-5-2): Buffon; Bonucci, De Rossi, Chiellini; Maggio, Marchisio, Pirlo, T.Motta(44' st Nocerino), Giaccherini; Balotelli (12' st Di Natale), Cassano (20' st Giovinco). A disp. Sirigu, De Santis, Ogbonna, Balzaretti, Abate, Barzagli, Montolivo, Diamanti, Borini  Allenatore: Cesare Prandelli
Arbitro: Viktor Kassai
Reti: 16' st Di Natale, 19' st Fabregas
Note: ammoniti Balotelli, Bonucci, Jordi Alba, Chiellini, Arbeloa, Maggio

Nella gara in notturna vince la Croazia 3-1 sull'Irlanda. Esordio da dimenticare per la squadra di Trapattoni. La formazione di Bilic gioca bene e merita di conquistare i tre con cui passa al comando del girone. La Croazia ha mostrato buone, giovedì per l'Italia non sarà certo facile contro Modric e compagni.
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »