energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Buongiorno Toscana, alta partecipazione a Livorno: verso sinistra unita? Politica

Livorno – Come nella migliore tradizione: è un teatro, meglio, un “cinema teatro”, I Quattro Mori per l’esattezza, ad accogliere quello che si presenta come “il progetto aggregativo” della sinistra che si vorrebbe unita. Buongiorno Toscana, che portò il suo leader Andrea Raspanti alla corsa elettorale per sindaco di Livorno vinta da Nogarin, riesce a riempire il teatro, e l’aria che si respira è quella di gente che ci crede.

I soggetti che sono presenti sono quelli che più attivamente hanno cercato, in questi ultimi anni, di ridare fiato e prospettive a una sinistra che per ora non ha saputo che ripiegarsi su se stessa. Forse, come ventila qualcuno, anche per l’incapacità di staccarsi da un passato glorioso ma che rischia di fare prigionieri tutti coloro che cercano di ampliare le prospettive sul futuro. Un’apertura al futuro attuata senza perdere l’anima, va da se’: e infatti i riferimenti dell’assemblea e dei vari interventi sono Podemos e Siryza, ma anche il SinnFein e la proposta di aggregazione sociale di Landini, oltre a citazioni di Alex Langer, Ingrao e perché no, persino del maestro Manzi, con la sua battaglia contro l’analfabetizzazione degli italiani sintetizzata dalla famosa frase “non è mai troppo tardi”.

Non è mai troppo tardi è forse anche l’incitamento che corre nei vari passaggi degli oratori, una decina, che si susseguono sul palco, fra cui Giorgio Pizziolo che si occupa delle tematiche urbanistico-ambientali, Andrea Galliano, giurista milanese che racconta dell’interesse che il progetto riscuote anche in altre parti d’Italia, Gavino Maciocco direttore di saluteinternazionale.it che parla di sanità toscana. Oltre ai relatori, una dozzina di rappresentanti di liste civiche e ovviamente, il portavoce del movimento Andrea Raspanti, cui spetta di illustrare il progetto e lanciare il percorso partecipativo di Buongiorno Toscana. Percorso attorno al quale creare l’aggregazione forte della sinistra toscana.

Foto: da www.facebook.com/buongiornotoscana

Print Friendly, PDF & Email

Translate »