energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Bypass Ponte a Greve, intervento prioritario Notizie dalla toscana

“Ho incontrato nei giorni scorsi l’assessore regionale ai trasporti Ceccarelli per fare il punto sui nuovi interventi stradali a Firenze, alla luce del supporto che potrebbe arrivare grazie ai finanziamenti regionali. Col nuovo piano strutturale si sono finalmente definiti i nuovi tratti stradali tra Firenze e i comuni confinanti, e proprio qui, dove maggiormente si concentrano i flussi, si rendono necessari lavori per la storica mancanza di interventi strutturali che supportino il traffico.
In particolare, comprendendo la limitatezza delle risorse a disposizione, si è stabilito di dare la priorità al bypass di Ponte a Greve, che si otterrebbe con la costruzione del raddoppio del ponte, parallelamente all’attuale via Baccio da Montelupo”.
Il presidente del consiglio comunale Eugenio Giani spiega con queste parole il contenuto del recente incontro con l'assessore regionale Ceccarelli, allo scopo di velocizzare nuovi interventi e la disponibilità delle risorse. 

Questo intervento – ha proseguito Giani – consentirebbe, insieme al potenziamento della viabilità verso Torregalli e all’allargamento di via delle Bagnese, di decongestionare il traffico che deriverà dal bypass del Galluzzo. Il bilancio approvato dal Comune lo scorso luglio ha visto approvare all’unanimità la mozione del consiglio comunale che indica il raddoppio del Ponte a Greve come l’intervento principale per la viabilità di collegamento tra Firenze e Scandicci. Il costo presunto è di 8 milioni, costo a cui la Regione potrebbe contribuire per il 50%". L'atteggiamento dell'assessore ai trasporti sarebbe di disponibilità, secondo quanto comunicato dallo stesso Giani, per sviluppare il porgetto per ora fermo allo studio di fattibilità. 

"Il rafforzamento della viabilità di attraversamento della Greve si rende indispensabile – spiega Giani – perché, da un lato, è sempre più forte il flusso dal viadotto dell’Indiano (e in generale dal viale Etruria e via Piombino); dall’altro, il traffico aumenterà ancora con la realizzazione del bypass del Galluzzo, che dirotterà su via delle Bagnese la viabilità in arrivo dalla Firenze-Siena.
Il Comune di Firenze ha già previsto risorse per fluidificare il traffico in arrivo all’ospedale di Torregalli, e quindi l’intervento su Ponte a Greve diventerà una vera e propria urgenza se non si vuole trasformare la zona in un’irriducibile strozzatura”
.

Conclude il presidente del consiglio comunale: “Proporrò al consiglio comunale una specifica mozione per instaurare un tavolo di confronto che porti a una convenzione tra Regione e comuni dell’area fiorentina, ottenendo – d’accordo con l’assessore Ceccarelli – un codice di priorità per il raddoppio del Ponte sulla Greve”Durante l’incontro, sono stati individuati inoltre altri tre interventi necessari per potenziare la viabilità tra Firenze e i comuni confinanti: l’innesto tra Perfetti Ricasoli e il Comune di Sesto nel nodo nevralgico del viale XI Agosto; lo sviluppo del viadotto di Varlungo, e la viabilità in entrata e uscita da Careggi con riguardo allo sviluppo verso il Sodo e Castello. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »