energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Caccia: Grosseto ha approvato il Calendario venatorio 2012-2013 Cronaca

Il Consiglio provinciale, nella seduta di oggi, ha approvatoall’unanimità il calendario venatorio 2012-2013. L’impianto generalerimanequello degli anni precedenti fatta eccezione per alcuni elementi dinovità, cheinteressano la caccia di selezione e, seppur in maniera minore, lacaccia alcinghiale.

L’apertura è fissata per domenica 16 settembre 2012, per le specie indicate nel  calendario regionale e, come ogni anno, la chiusura è il 31 gennaio 2013. La preaperturaè prevista l’1 settembre per le seguenti specie:  tortora, gazza, ghiandaia e cornacchia. Nel corso del Consiglio provinciale è stato approvato all’unanimità anche il Programma annuale di gestione e controllo del territorio non vocato allapresenza del cinghiale.

“Quest’anno è stata particolarmente impegnativa la definizione del calendario venatorio – spiega il presidente della Provincia Leonardo Marras  – a causa delle incertezze legate alla recente modifica della normativa regionale, che è stata impugnata davanti alla Corte costituzionale per la parte che riguarda la caccia di selezione e la caccia al cinghiale. La Corte, tra l’altro, si deve ancora esprimere nel merito. E proprio sulla caccia di selezione siamo rimasti nell’incertezza, fino a poche ore prima della discussione del calendario venatorio in Consiglio provinciale, in quanto attendevamo il parere dell’Ispra, previsto dalla nuova normativare gionale. Il parere è comunque arrivato in tempo. A questo punto siamo in grado di presentare un calendario venatorio che, fatta eccezione per le questioni sciolte all’ultimo momento, è stato, comunque, ampiamente discusso e condivisonei vari incontri con le associazioni venatorie e ambientaliste, che fanno parte della Consulta provinciale della Caccia. Crediamo, quindi, di poter dareuna risposta adeguata all’esigenza di garantire una equilibrata gestionefaunistico-venatoria del territorio.”


La caccia alla tortora è consentita dal 16 settembre al 30 dicembre 2012; alla gazza,alla cornacchia grigia e alla ghiandaia dal 16 settembre al 30 gennaio 2012.La caccia alla  selvaggina migratoria con l’uso del cane è consentita dal 2 al  31  gennaio 2013, con limitazioni per la beccaccia, che può essere cacciata solo nelle zone boscate e non da appostamento. Dal 2 al 31 gennaio i palmipedi, i rallidi e i trampolieri sono cacciabili, in forma vagante, anche con l’uso del cane, soltanto nelle zone  palustri e lungo i corsi d’acqua nelle aree comprese  fra  la  ferrovia e il mare, nei comuni  di Castiglione della Pescaia, Grosseto, Orbetello  e  Capalbio, al Lago dell’Accesa, nel comune di Massa Marittima, e nella  zona palustre  in  località Voltina; a Istia d’Ombrone, nel comune di Grosseto. La caccia alla selvaggina migratoria, nel territorio non boscato,è consentita solo da appostamento, con o senza cane.

La caccia al cinghiale è consentita dall’1 novembre 2012 al 31 gennaio 2013. Nelle aree vocate si svolge quasi esclusivamente nella forma della battuta, mentre nelle aree di influenza e intutte le aree non vocate esterne, l’abbattimento e la gestione del cinghialesono definiti dal “Programma di intervento annuale del territorio non vocato”adottato dalla Provincia.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »