energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calcio D: insiste Gavorrano col neo Granatiero su Gubbio Sport

Firenze – Gavorrano si conferma la regina indiscussa del Girone E di Quarta Serie dopo la terza di ritorno, a 40. Grazie alla vittoria al Maltinti-Matteini di Bagno, di misura (1-0) sul Gubbio. Col sigillo, a 3′ dalla fine del neo arrivato Lorenzo Granatiero, un ’97 pugliese tutto pepe, sull’undici eugubino, ridotto ai minimi termini per l’espulsione di Croce dopo dieci minuti della ripresa. Resiste, sull’altro fronte, il Montecatini, a 38 col 2-1 alla Sangiovannese. In un incontro piatto, ravvivato solo da tre guizzi, in tutto. Quelli delle reti. Le due pistoiesi, coll’inopinato vantaggio con Damiano Mitra su punizione, con palla toccata dalla barriera dopo 24′ di gioco con equilibrio assoluto. Solo nella seconda parte, ci pensa De Angelis, con la marcatura azzurra aretina, al 35′ a metter pizzico sul terreno del Daniele Mariotti con una splendida conclusione di destro all’incrocio.

Ma il pari valdarnese durerà solo 8′ con Di Vito, che con un’altra prodezza, l’ultima locale in un grigiore generale, riporta definitivamente avanti i termali. Dietro, a 35, Montemurlo e Ghiviborgo che non desistono. Pratesi col netto 2-0 al Città di Castello con autorete di Lomasto dopo un quarto d’ora e Borgarello al 25′ del secondo tempo. Lucchesi, nel posticipo orario delle 15, con l’1-2 del Carlo Luzi di Gualdo Tadino. Prima perugini a segno, al 24′ con Menchinella, quindi toscani con De Gori dopo 11′, nella prima parte. In chiusura, Borgia al 46′. Per 3 punti di platino per la formazione ospite, matricola di lusso del torneo con una catena di successi, davvero invidiabile. A chiudere la Zona Play-Off, Gubbio, quinto a 34. Foligno, sconfitto a Ponsacco con Montecalvo al 33′ di gioco, per l’1-0 pisano, a 32. Con nerazzurri stessi, alle spalle, a 31. Segue Colle a 30, fermata dal Viareggio (0-2) al Gino Manni. Con Sciapi e Benedetti, nella ripresa al 10′ e 51′. Poggibonsi a 29 con lo 0-0 di Piancastagnaio. Mentre, a 28 le zebre, risorte che riprendono la Sangio di Gennaro Ruotolo, in giornata storta. A 25 la citata, pur indirettamente, Pianese col Città di Castello. Nelle acque perigliose, il duo Massese-Scandicci, autore di altrettanti colpi di mano in trasferta. Apuani (0-4) a Spoleto col vantaggino non da poco dell’espulsione del portiere ternano Bazzucchi. Dopo appena 12 giri di lancette per fallo, che porterà alla prima segnatura bianconera di Canalini su rigore.

L’altra, al 6′ dopo l’intervallo. Unite a quelle di Galelli e Vita, al 33′ e 35′. Fiorentini che espugnano il Buitoni (0-1), in Valtiberina, con Papini a 15′ dalla conclusione di una gara che lascia il Sansepolcro a 18. Poco avanti al Gualdo, a 17. Per non parlar dello Spoleto, che solo un miracolo potrebbe salvare. A questo punto. Solo soletto, di nuovo, desolatamente, a 9. In venti partite. Meglio non inveire oltre sui biancorossi. Generosi ma non certo, competitivi in D.Negli altri raggruppamenti, benino il Grosseto (2-2 a Lanusei). Con la bocca amara per esser stato ripreso addirittura al 48′ della ripresa dal sardo Aramu. Dopo il vantaggio locale di Angheladdu dopo 4′ di gioco. E soprattutto la rimonta col doppio Palumbo. al 40′ del primo tempo e 35′ del seguente. Per il G mentre per il D, nessuna storia per la nettissima battuta d’arresto della Fortis Juventus. Col Parma che non va per il sottile coll’eloquente 5-0 al Tardini.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »