energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calcio D: intrigante testa a testa Fiorenzuola-Villabiagio Sport

Firenze – La settima di andata del Girone D di Quarta Serie di domenica 8 ottobre 2017 alle 15, regala un incerto confronto al vertica fra capolista Villabiagio a 15 ed inseguitrice Fiorenzuola, ad un sol punto. Gara di Castiglione della Valle fra perugini e piacentini che può valere, da una parte, la fuga definitiva umbra e, dall’altra, un possibile sorpasso emiliano.

Un pari, in vista di un ritorno nelle posizioni di testa del Lentigione, a 13, impegnato al Brilli Peri di Montevarchi, con aretini a 12 col Rimini che ospiterà la Sangiovannese di Agostino Iacobelli, ancora ad 11, in cerca di pronto riscatto dopo due sconfitte a fila, subendo 4 reti in 3 giorni senza farne alcuna, nel Derby Valdarnese ed a Piancastagnaio in Coppa. Tanti sostenitori del Marzocco attesi al Romeo Neri con 2 pullman annunciati al seguito.

Stesso punteggio di Capitan Mugelli e soci, per un Forlì per la certezza o meno di Zona Play-Off, sull’Amiata con una Pianese che sta ritrovando la verve delle prime partite agostane. Bianconeri senesi a 9 con l’Imolese sull’ostico campo di Martorano col Romagna, che sovrasta i bolognesi di una lunghezza. Sammaurese ad 8, sul terreno del fanalino Correggese, ad 1. A 7, Colligiana e Trestina che se ne diranno 4 in Valtiberina. Scendendo ancora, Carpaneto a 6, al Giovanni Buitoni con un Sansepolcro in mancanza di ossigeno, sempre a 5.

Un gradino sotto, Castelvetro, assunto, negli ultimi giorni, agli onori della cronaca, prima per la salata ammenda di 1500 euro per aver aperto le porte chiuse a circa 200 persone, poi coll’esonero di Mister Cristian Serpini. Mollato dal Presidente Davide Contri dopo precedenti parole di sicura conferma. Ora, in panca con l’ex Napoli Giancarlo Corradini, trainer già a Modena ed a Torino con la Juventus. Per non dire delle dimissioni del Ds Paolo Dondarini. Modenesi nell’occhio del cicole, a 4, col Sasso, per non smentirsi di nuovo a Porte Chiuse.

Ed adesso la colpa non è dell’impianto ma della dirigenza. Mezzolara col Tuttocuoio, con squadra che gioca a Budrio a 3 e pisani a 2, in chiusura di un turno, per non smentirsi, che si preannuncia pregno di colpi di scena. Certo, non nuovi in un torneo a 20, mai monotono, almeno nelle prime sei tornate.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »