energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calcio Serie D: il sindaco salva la Sangio Sport

Firenze – Il presidente della SanGiovanniValdarno, intenzionato a lasciare la città per le amarezze dopo le troppe multe, a colloquio col primo cittadino della patria di Masaccio per ben 5 ore, recede dalla decisione. Domani, Conferenza Stampa in comune.

Ce l’ha messa tutta ii sindaco di San Giovanni Valdarno, ma, alla fine, dopo addirittura 5 ore in un incontro col presidente della Sangio, Lorenzo Grazi, ce l’ha fatta. Il numero uno della Sangio ritira le dimissioni, superando un brutto periodo per la società di piazza Palermo, rilevata dalla famiglia aretina, dopo solo 3 mesi dalla rinascita, tre anni fa, a seguito del fallimento della Sangiovannese di Seconda Divisione. Grazi aveva manifestato, in settimana, l’intento di dimettersi e di, conseguenza, abbandonare la Sangio. Dopo le tante, troppe multe prese dai tifosi della Gradinata. Stamani, in comune, il sindaco Maurizio Viligiardi, dopo averlo convocato nel pomeriggio di ieri, lo ha ricevuto ed insieme è stata concordata una Conferenza Stampa, per domattina, sabato 11 ottobre 2014 alle 11, nella Sala Municipale. Nella quale sarà ripercorsa la storia della nuova Sangio e, soprattutto, saranno svelati i piani futuri di Grazi per il futuro. Sempre più azzurro. Con meta ambita la Lega Pro, la prossima stagione, conseguendo, ovviamente, in quella attuale, una salvezza tranquilla. Con la squadra, attualmente sesta, da matricola terribile, dopo 5 gare. All’indomani dell’impegno di domenica 12 alle 15 a Castiglione della Valle col Villabiagio. Altra debuttante della Quarta Serie. Unico aiuto che il sodalizio di piazza Palermo chiede all’Amministrazione Comunale, è di aver un’unica Sangiovannese, in città. Unificando, una volta per tutte, le due entità, quella presieduta dal team proveniente dal capolouogo Arezzo e l’altra, l’Acd Marzocco Sangiovannese con una squadra femminile che edordirà in D fra qualche settimana oltre alla scuola calcio. Unica condizione sine qua non per mantenere la compagine, che ora milita nel girone E di serie D.
Print Friendly, PDF & Email

Translate »