energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calenzano diventa “Città dei presepi” Notizie dalla toscana

Non solo le parrocchie, ma anche le scuole, i circoli, negozi, fattorie, aziende, l’università. Ogni singolo pezzo della comunità calenzanese ha partecipato alla costruzione dei "Presepi del Territorio", una mostra diffusa su tutto il territorio, promossa dal Comune, organizzata dall’Associazione Turistica e coordinata da Agostino Barlacchi. Le capannucce, informa  la nota del Comune di Sesto Fiorentino, sono una trentina e saranno esposte fino al 6 gennaio. Momento clou dell’iniziativa sarà la mostra culturale e didattica "Calenzano città dei presepi", dal 21 dicembre al 6 gennaio al centro espositivo St.Art di via Garibaldi, dove saranno esposte oltre 5 mila statuette, di varie misure e fatture, collocate nelle ambientazioni più svariate, come un percorso storico tra la grande tradizione manifatturiera italiana nella produzione di presepi artigianali.
I presepi sul territorio saranno in tutto ventisei. Il pezzo di maggior pregio, vero e proprio fiore all’occhiello dell’iniziativa, è l’opera in terracotta di Santi Buglioni del Cinquecento, concesso dalla Diocesi Fiorentina e custodito nel Museo di Santo Stefano al Ponte di Firenze. Sarà esposto nella sede di Art Defender, il centro di custodia e restauro di opere d’arte di via Volta. Ci saranno poi presepi fatti di pane, di lenzuola, di terracotta, di fascine di legno, di materiale riciclato, ce ne sarà uno meccanico in movimento e uno fatto di immagini proiettate. Sulla terrazza del Comune verrà installato un grande presepe in poliestere, a cura delle Scenografie Barbaro, ditta manifatturiera calenzanese che realizza scenografie anche per l’Arena di Verona; e all’università verrà realizzato un presepe in design. Il gran finale è affidato al museo del figurino, con il presepe vivente del 6 gennaio.

Le dichiarazioni
"Il presepe non è solo un elemento di appartenenza religiosa – ha commentato il Sindaco Alessio Biagioli – è una componente culturale della nostra tradizione. Dal più semplice allestimento nell’angolo del salotto a vere e proprie opere d’arte all’interno delle chiese, nelle vie e nelle piazze. Quest’anno a Calenzano abbiamo voluto ricreare questo clima, con una sorta di mostra diffusa che costituisce una vera e propria scenografia natalizia, capace di coinvolgere tutto il nostro territorio e la nostra comunità".

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »