energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calvana: Una fatalità che non diminuisce il dolore di una Comunità Cronaca

Don Carlo Gestri, il parroco di San Martino a Paperino, la parrocchia che ha organizzato la gita conclusasi con la morte per infarto di Franco Lori, di 11 anni e il rientro in elicottero, con un mezzo dei vigili del fuoco di Bologna, per 74 ragazzi, ha tentato di rianimare con il massaggio cardiaco il piccolo Franco durante l'escursione annuale dell’Oratorio  sul monte della Calvana di Prato. Lo testimonia anche Il primo volontario del soccorso alpino che ha raggiunto il luogo in cui si trovava la comitiva, che  ha visto il sacerdote e lo ha aiutato nel tentativo di rianimare il piccolo. In precedenza i mezzi sanitari mobilitati dal 118 avevano tentato di raggiungere il posto, ma invano. E' stato necessario l'intervento dell'elisoccorso per portare il bambino all'ospedale.  Una fatalità, probabilmente dovuta ad un difetto cardiaco congenito, non prevedibile, ma che comunque non fa venire meno il dolore della famiglia e di tutta una comunità civile  e religiosa, che si stringe attorno ai genitori di Franco. Quella gita la parrocchia, con i ragazzi dell’Oratorio estivo, la  facevano da anni e niente avrebbe fatto presagire la tragedia, nonostante la giornata afosa.

“Avevamo acqua con noi ed eravamo equipaggiati per l'escursione”, ha detto ai giornalisti  uno degli accompagnatori adulti dei ragazzi “Si, faceva caldo, ma come al solito”. Anche i genitori dei ragazzi non se la sentono di dare agli adulti ai quali hanno affidato i loro ragazzi la responsabilità di quanto accaduto.

"I ragazzi stanno tutti bene – spiega Stefania, una madre –  è una gita che fanno ogni anno e gli accompagnatori sono attentissimi. Se qualcosa è andato storto non è colpa loro”.

Molti dei 75 ragazzi non si sono accorti di nulla fino all’intervento dell’elicottero, “Avevamo un po’ caldo ed ero un po' stanca –  ha raccontato una di loro, 10 anni – ma eravamo tranquilli. E' una gita che facciamo ogni anno ed è sempre stato divertente”.
Il Vescovo di Prato, Gastone Simoni, appena informato del tragico episodio, prima si è recato in Questura per avere maggiori dettagli sui soccorsi, poi si è recato, in serata, all’Ospedale di Careggi, dove Franco è stato trasportato, e dove è spirato, per stringersi attorno alla famiglia.

Al momento non ci sono indagati, anche se sicuramente don Gestri, come atto dovuto, sarà iscritto nel registro degli indagati per permettere il proseguimento degli accertamenti, visto che probabilmente il Magistrato disporrà l'autopsia per stabilire definitivamente  le cause della morte.

“Le indagini sono  a 360 grandi” si sono limitati a dire in Procura.

Già ascoltato dagli agenti della Questura, ma potrebbe essere nuovamente riascoltato, il parroco e alcuni volontari intervenuti sul luogo della disgrazia.

“Questa morte  – ha sottolineato il Vescovo – è un fulmine funesto in una realtà bellissima come quella degli oratori estivi parrocchiali che da anni compiono un servizio prezioso ai ragazzi, alle famiglie e alle parrocchie e quindi a tutta la società pratese. Si tratta di quasi 3500 ragazzi e di una quarantina di oratori”.

Foto:www.notizie.tiscali.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »